Archivi tag: SS Romulea

Giovanili: Allievi, si riparte! Spettacolo 1998. Giovanissimi B Elite, tonfo prevedibile

LODIGIANI – AURELIO FIAMME AZZURRE 2-1. Una partita da libro cuore non solo per l’andamento, ma per il barlume di speranza che offre ai fini di una classifica che, se da una parte non lascia ancora dormire sonni tranquilli, dall’altra comincia a lasciare spazio ad un maggiore ottimismo. E’ bene dirlo, siamo ancora molto lontani da quella salvezza diretta che, per primi, abbiamo definito impossibile, e che ora non lo è più. Però adesso essa è visibile, dista appena tre punti, quelli dall’avversario appena battuto. Ora, più che mai, possiamo dire che il futuro è in mano ai ragazzi che scendono in campo. Il match contro l’Aurelio non era neanche partito sotto i migliori auspici, anzi. Dopo un primo tempo che non ha dato grandi spunti di spettacolo, la partita si ravviva nel secondo tempo quando, in apertura, una delle nostre fatidiche disattenzioni, stavolta veramente gratuita, lanciava in contropiede uno degli attaccanti dell’Aurelio che, in corsa, non ci ha pensato due volte a portare la propria squadra in vantaggio. Fortunatamente, si è vista subito la reazione di una squadra che non era scesa assolutamente in campo per perdere, figuriamoci in questa maniera. Al 18° la pressione biancorossa portava all’assegnazione di un rigore, che Massimi realizza per l’1-1. Dopo alcune prove tecniche di vittoria, a sei minuti dalla fine la Lodigiani passava con Farina, regalando attimi di entusiasmo alla tribuna biancorossa. Classifica che porta la Lodigiani a 23 punti, sempre in quint’ultima piazza, e Aurelio, ormai,  sopra di appena tre lunghezze. Ora tutto sta a vedere come affronteremo le prossime partite. Intanto buone notizie arrivano dagli altri campi: l’Ottavia perde per 3-0 in casa contro l’Ostia Mare; il Montespaccato perde 2-1 alla Pisana contro l’Urbetevere; infine, la Totti Soccer School ne prende 3 sul campo della Spes Artiglio.

SAN CESAREO – LODIGIANI 1-2. Continua, decisamente, il momento si dei 1997 di Bellucci che, con molta umiltà, continuano a macinare buon calcio e risultati, con la classifica che, man mano, comincia a sorriedere ai biancorossi. La vittoria di San Cesareo passa per le reti di Krasniqi e Ciampi. Nonostante la classifica non brillante dei rossoblu, sono proprio le gare come questa quelle più insidiose, soprattutto se giocate in trasferta. La miglior condizione di forma ha, comunque, premiato la squadra più forte in classifica, che ora rilancia ulteriormente le proprie quotazioni. Lassù nulla cambia. Anzi, la virtualmente prima in classifica San Lorenzo, con una grande prova di forza, supera per 3-1 in trasferta l’ostica Lupa Frascati, dimostrando, per l’ennesima volta, di essere squadra pronta per il balzo di categoria. Tiene però l’Atletico 2000, sempre in trasferta, che con lo stesso punteggio dei diretti rivali supera l’Almas Roma, squadra ormai in guai grossi di classifica (clamorosa sarebbe una retrocessione tra i provinciali). Cede, e questa è una notizia, il Marino, che, pareggiando 2-2 in casa col Ceprano, fa un mezzo passo falso, e ora è due punti sotto la Lodigiani. Bene ricordare che, solo qualche giornata fa, anche il Marino sembrava imprendibile. Non molla, invece, la Vivace Grottaferrata, che continua a tenersi agganciata alla Lodigiani, brillando in trasferta con una netta vittoria per 3-0 sul campo del Città di Ciampino.

ROMULEA – LODIGIANI 2-2. Grande spettacolo al Campo Roma, dove Romulea e Lodigiani si sono affrontate in una gara giocata a viso aperto. Partita finita in parità ma che lascia qualche rimpianto in più alla Romulea, raggiunta all’ultimo minuto. Eppure si era messa bene la partita per i giallorossi, quando, dopo appena 12 minuti di gioco, passavano su una bella azione sviluppatasi sulla sinistra. La Lodigiani è comunque scesa in campo con le idee convinte, e non si lasciava per nulla intimorire dagli avversari,  prendendo, in più casi, in mano le redini del gioco. Il pareggio di Renzi al 32° appariva come la più logica delle conclusioni per quanto visto fino a quel momento. Nel secondo tempo, ad onor del vero, si è vista molta più Romulea, che ha prodotto delle ottime occasioni. Dopo una traversa su tiro, i giallorossi passavano al 13°, su un’altra traversa, stavolta per parata del nostro portiere, ma con tap-in vincente a poca distanza dalla porta. La Lodigiani, nel finale, iniziava a premere con più convinzione, e la Romulea, non proprio attenza in fase di manovra, si faceva sorpendere da un nostro contropiede, dove il portiere di casa era costretto ad una parata…fuori area: espulsione per chiara occasione da gol e punizione, e, proprio sullo scadere, una perfetta parabola di Unguru sanciva il 2-2 finale. Bella partita, con la classifica che rimane invariata per i biancorossi, meno per la Romulea: Atletico 2000, sesto, con 41 punti, segue la Lodigiani con 35, Carso 31,  Romulea 30.

LODIGIANI – ROMA 0-3. Tiene solo un tempo la Lodigiani di Morini, per la più prevedibile delle sconfitte, magari con qualche rimpianto. Di fatti, per un tempo, la Lodigiani ha tenuto sulla corazzata giallorossa, soprattutto in apertura, producendo anche manovre interessanti in fase offensiva. Il pallino del gioco, comunque, è rimasto prevalentemente nelle mani dei giallorossi, che hanno avuto le occasioni migliori. Nel secondo tempo, in tre minuti, sono arrivate due reti ospiti, e là è finita la partita: Lodigiani costantemente in balia dei primi in classifica che, inoltre, hanno chiuso al 18° le marcature, pur rischiando seriamente di dilagare con un margine ben più pesante. Purtroppo non è stata una delle partite più esaltanti. Match, tra l’altro, capitato in un momento già di per sé molto difficile per i ragazzi del 1999, che ora rischiano veramente di affondare in classifica: ormai la striscia negativa di risultati è di tre sconfitte consecutive, non si vince da un mese e mezzo, anche se, in tutto ciò, va condierata la gara da recuperare Mercoledì contro il Savio. A questo punto il recupero appare più vitale che mai, per riprendere almeno alcuni dei punti persi in zona di alta classifica. Il terzso posto, che ci apparteneva qualche settimana fa, è ora distante 8 punti (Tor Tre Teste, 44 punti), il quarto (Polisportiva Carso) sette, il quinto (Lazio) sei. Da aggiungere che l’Urbetevere, in attesa della nostra prossima gara, ci ha agganciato a 36 punti. Inutili quindi ragionarci sopra, si sta perdendo troppo terreno ed urge una reazione.

Week-end biancorosso, 9 e 10 Marzo

Mentre il sito Fedelissimi compie un anno (nessuno farà gli auguri, ma poco importa), ci si prepara ad un nuovo fine settimana che, soprattutto per quanto riguarda alcune categorie, presenta delle sfide chiave; dovendone scegliere due, assolutamente, quelle dei 1999 e dei 1996 del calcio. Ma salgono le azioni del calcio a 5 verso la promozione matematica in serie B, e intanto la sfida con l’Ardenza chiama.

SERIE C1 DI CALCIO A 5, INCONTRO LODIGIANI -  AESTUS ARDENZA, SABATO 9 ALLE ORE 18:00, “PALA TOLIVE”IN VIA A.LEONORI 8, ROMA, VENTITREESIMA GIORNATA: mentre in alcuni altri campionati regionali di serie C1, data l’esigua mole di squadre, il conto alla rovescia per la promozione matematica delle capoliste è di una o due giornate (come nel caso della nostra prossima avversaria di Coppa Virtus Rutigliano, che già questo fine settimana potrebbe accedere in serie B), per la Lodigiani imbattuta stagionale si dovrà aspettare qualche giornata in più, visto che siamo ancora alla ventitreesima giornata su trenta totali. Tuttavia, ogni giornata in più, e, soprattutto, ogni vittoria, lima sempre più questo margine in vista dell’agognatissimo traguardo. Sotto a chi tocca, quindi, ed è il caso di un’ottima squadra, l’Aestus Ardenza, che ci farà visita al Pala ToLive, col desiderio di rompere la nostra imbattibilità. Il campionato della squadra del Divino Amore è stato molto in salita nella prima parte della stagione, finché non è cominciata una striscia di risultati positivi che ha fatto risalire i nerogialloverdi alla sesta piazza, a due sole lunghezze da quel quinto posto che vorrebbe dire play off. Una squadra particolare questa Aestus, che presenta un attacco da zona play out e una difesa da altissima classifica (53 sia le reti fatte che subite). Una squadra compatta, quindi, che cercherà sicuramente molte ripartenze per impensierirci, puntando sulla solidità del reparto arretrato. Ovviamente, i numeri della capolista sono altri, con 132 gol fatti e 41 subiti, e con un Moreira che, tra campionato e coppa, ormai non si ferma più: sono 34 le reti messe a segno dall’asso brasiliano, capocannoniere assoluto di questo campionato. Una scelta vincente per la società, un lido felice per il giocatore.

ALLIEVI REGIONALI ELITE, INCONTRO LODIGIANI – AURELIO FIAMME AZZURRE , DOMENICA 10 ALLE ORE 11:00,  CAMPO “BORGHESIANA C”, ROMA,  VENTITREESIMA GIORNATA: abbiamo scritto, fino ad adesso, che la Lodigiani la possiamo già considerare ai play out. C’è tuttavia un “ma”, un piccolo appiglio per cercare ancora una insperata salvezza diretta. E questa speranza passa per la sfida di Domenica tra la Lodigiani, quintultima con 20 punti, e l’Aurelio sestultimo con 26 punti. Inutile dire che una vittoria biancorossa non solo dimezzerebbe il margine tra le due squadre, ma rimescolerebbe molti valori in chiave play out, attraverso una serie di calcoli che sarà più facile analizzare a risultati acquisiti che ora. Va da sé, comunque, che questa partita è della massima importanza, e può valere, ora come non mai, una stagione intera. Molto simile la situazione psicologica delle due squadre, anche se, ora come ora, è la nostra compagine a non aver più nulla da perdere. Biancorossi che, pur avendo trovato, nelle ultime uscite, dei risultati buoni, mancano di una continuità che, in questo campionato, purtroppo, non c’è mai stata. Ma anche l’Aurelio, pur forte dei punti accumulati nella prima parte del campionato, comincia a tremare, avendo trovato una sola vittoria nelle ultime sei giornate. Sarà dura ma, adesso più che mai, va cercata la convinzione di essere una squadra vera. Tra l’altro, all’Aurelio mancheranno due giocatori per squalifica: si tratta di Tomarelli e Fortunato.

ALLIEVI REGIONALI FASCIA B, INCONTRO  SAN CESAREO – LODIGIANI, DOMENICA 10 ALLE ORE 09:00, CAMPO “PERA B” IN VIA DEL CAMPO SPORTIVO 2 ,  SAN CESAREO (RM), VENTUNESIMA GIORNATA: una Lodigiani in grande forma psicologica sta per affrontare una squadra sull’orlo di una crisi di nervi. Di fatti, a margine della gara di Sabato scorso tra Grottaferrata e San Cesareo, c’è stata la squalifica di un dirigente e di due giocatori (Palone e Rossetti) rossoblu, nonché l’intervento delle forze dell’ordine per allontanare i genitori dei ragazzi del San Cesareo che erano entrati furibondi negli spogliatoi per fronteggiare l’arbitro. In ogni caso, indipendentemente dalle vicende riportate dalle decisioni del giudice sportivo, la Lodigiani di Bellucci deve pensare solo a sé stessa, mantenendo lo stesso atteggiamento mentale delle ultime uscite. Non pensare agli altri risultati, giocare del buon calcio,  e ascoltare le indicazioni del mister. Sperare, per quanto i sogni siano di difficile realizzazione, non costa niente, ma tutto dipende da chi entra in campo, e da come affronta il match. Chi ha più da perdere sono proprio i padroni di casa che, con 23 punti e la quartultima posizione, sono impegnati in pieno nella lotta per non retrocedere. San Cesareo che nell’ultimo mese ha comunque fatto bene, vincendo due partite e perdendone due di misura, in trasferta, contro squadre quotate come Grottaferrata e Marino.

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, INCONTRO ROMULEA – LODIGIANI, DOMENICA 10 ALLE ORE 09:00, CAMPO “ROMA”  IN VIA FARSALO, ROMA, VENTITREESIMA GIORNATA: la Lodigiani ha, sentendo il suo mister, ottenuto quell’obiettivo di salvezza tranquilla che ci si era auspicati ad inizio stagione. Peccato che, in alcune fasi del campionato, qualche ottimista ha pensato che si potesse ottenere qualcosa in più. Purtroppo sono mancati i risultati importanti, soprattutto contro le squadre che in classifica stanno sopra di noi. Ci si ritrova, quindi, a questo punto del campionato, senza grandi pretese e con partite da disputare di piazzamento, un pò come quelle finali per il 5° e 6° posto nelle competizioni internazionali che non interessano a nessuno, neanche alle squadre stesse. Speriamo che sia diverso lo spirito dei nostri ragazzi, che comunque devono continuare a scendere in campo soprattutto per divertirsi. Il match, poi, mantiene un suo interesse, visto che si confrontano la settima della classifica con 34 punti, e la Romulea, ottava con 29. Anche la Romulea, con molta tranquillità, sta raggiungendo l’obiettivo stagionale della salvezza.

GIOVANISSIMI REGIONALI FASCIA B ELITE, INCONTRO LODIGIANI – ROMA, SABATO 9 ALLE ORE 15:00,  CAMPO “BORGHESIANA C”, ROMA,  VENTUNESIMA GIORNATA: un big-match di totale rilevanza agonistica, tra due ottime squadre, va in scena alla Borghesiana. Già il solo nome dell’AS Roma basta a stimolare l’interesse di chiunque, figuriamoci se poi i giallorossi sono i primi assoluti di questo campionato Giovanissimi Fascia B, con 54 punti (+5 sulla seconda, la Vigor Perconti), 18 vittorie e appena due sconfitte. Numeri impressionanti quelli della Roma, che ha segnato sin qui 83 reti (più di quattro gol in media a partita), e subito, udite udite, appena 6 gol (una media esatta di 0.3 gol a partita). Una squadra che però, come già successo in questo campionato, si può anche fermare, e la Lodigiani ha già dimostrato che, contro le grandi, se la può giocare alla pari. Magari il risultato all’andata non andava esattamente in questa direzione, ma era ancora una si buona Lodigiani, ma “pre-exploit”, non ancora inquadrata in quei valori che l’hanno spinta fino alla terza posizione in campionato. Forse non capita al momento giusto questa partita, vista la crisi di risultati degli ultimi turni, ma, sicuramente, affrontare un avversario del genere è, assolutamente, uno stimolo in più. Schiena dritta e sguardo fisso, senza paura. Comunque vada andrà alla grande.

Convincono solo gli Allievi Fascia B

Allievi Elite, ancora un ko in trasferta; ok i ’97 sulla Pro Roma; Giovanissimi Elite di misura contro una nervosa Romulea; la Roma ammazza-campionato travolge anche i nostri tra i ’99

Gli Allievi Elite del nuovo mister Alvardi non riescono proprio ad andare a punti in trasferta. Questo nonostante un Fiamme Azzurre in parte ridimensionato dalle squalifiche, il quale comunque non stravolge il suo atteggiamento offensivo (che ha portato la squadra di Primavalle in alta classifica). Il 3-1 finale per i padroni di casa (reti di Petrich, doppietta, e Vinciarelli) ci sta, anche se in campo non è assolutamente scesa la Lodigiani di inizio stagione (di Farina l’unica segnatura biancorossa), ma una versione senza dubbio un pò più convinta, che prima o poi potrebbe anche sbloccarsi lontano dalla Borghesiana. Anzi, lo deve assolutamente fare, anche perché la Spes Artiglio ha ottenuto 3 punti fondamentali per allungare nella parte bassa della classifica, e pure il Guidonia ha rischiato di vincere contro il San Lorenzo tranne poi, per fortuna, accontentarsi di un punto.

Comincia, anche se siamo solo alla quarta giornata, a farsi interessante la classifica degli Allievi Regionali di Fascia B, che con una gara ordinata ed equilibrata portano a casa il massimo bottino contro la Pro Roma, con le marcature di Succi e Nuovo. Una gara senza pecche né grandi sbavature rilanciano i ragazzi di Bellucci nella parte alta della classifica, dove comunque non fa testo il 9-1 del San Lorenzo contro il Colleferro. I 7 punti in 4 gare, ottimi se si considerano le 3 lunghezze dalla vetta, andranno, nel corso del campionato, confermati con avversari di classifica più alta, ma si può ringraziare, intanto, che il calendario sta dando una mano, in quello che si preannuncia un torneo molto difficile.

Molta sofferenza per i ’98 di mister Pizzoni, che, pur con molta fatica, e aiutati da avversari imprecisi e nervosi, riscattano la sconfitta in quel di Frascati, battendo la Romulea per 1-0. Una gara a viso aperto, dove nel primo tempo non ci sono spunti eccezionali, mentre in avvio di ripresa è addirittura la Romulea a rischiare di passare. Ma il mister azzecca il cambio che permette a Spinozzi di entrare e di siglare la rete decisiva, facendo pendere definitivamente la gara dalla parte dei biancorossi, che al 22° del secondo tempo vanno anche in superiorità numerica per l’espulsione di un giocatore ospite. Gli episodi e la ritrovata caparbietà nei momenti difficili consentono alla Lodigiani di fare un bel balzo in avanti, con 15 punti in classifica, 5°posto e la dura legge della Borghesiana confermata, con 4 vittorie in altrettante partite. Sempre più incredibile il campionato della capolista Futbolclub, 24 punti in 8 gare.

A proposito di campionati morti sul nascere, nulla hanno potuto i Giovanissimi Fascia B Elite sul campo della Roma. E’ vero che abbiamo annunciato che la Roma non poteva passare tutto il campionato senza prendere un gol, e se non altro la nostra compagine ha avuto questo merito, ma la rete dei biancorossi non è che un pizzicotto fastidioso di fronte alle cinque reti che i giallorossi ci hanno rifilato. Una gara, possiamo dirlo, senza nessun demerito della Lodigiani, perché questa Roma è veramente troppo e, salvo miracoli incredibili, andrà a vincere a mani basse questo campionato. Se neppure un’ottima Lodigiani riesce ad arginare i ragazzi giallorossi di Muzzi, qualcosa vorrà pur dire: 6 vittorie in altrettante partite, 28 reti segnate ed una subita, quella contro di noi. Chi pensava che la Roma, in questi campionati, non fosse attrezzata come nei corrispettivi a livello nazionale, è ora servito.

Week-end biancorosso, 3 e 4 Novembre

Fine settimana come di consueto pieno di appuntamenti per le formazioni targate Lodigiani, nel calcio e nel futsal. Proprio in quest’ultima disciplina, l’interesse generale consiste nel vedere quanto durerà la striscia ininterrotta di vittorie dello Sporting. In campo giovanile voglia di conferme per le due squadre Allievi, voglia di riscatto per i Giovanissimi Regionali Elite, voglia di impresa per i ’99.

SERIE C1 DI CALCIO A 5, INCONTRO AESTUS ARDENZA – LODIGIANI, SABATO 3 ALLE ORE 15:00, “CENTRO SPORTIVO MILLEVOI”IN VIA ARDEATINA KM 12,400, ROMA, OTTAVA GIORNATA: l’intento, nel breve periodo, della squadra di Pozzi appare molto chiaro: arrivare imbattuti fino alla decima giornata, quella che darà vita allo scontro diretto tra la Lodigiani e la Capitolina di Hernandez e compagni. Intanto, passo dopo passo, ci aspetta una gara senz’altro interessante contro una squadra ostica, che finora ha dato il meglio di sé più in trasferta che al Divino Amore. Entrambe le squadre dovrebbero presentarsi senza defezioni dell’ultimo minuto, e i recenti exploit di Rubei e Moreira hanno offerto un’arma in più al già pericoloso arsenale della Lodigiani. La chiave del match sarà quella di evitare di partire sconcentrati come successo sabato scorso contro la Virtus Fondi, e di non farsi sorprendere dagli avversari, che sicuramente inizieranno la gara a mille. L’Aestus Ardenza, che ha già appena finito di far patire Casal Torraccia prima e Lazio Calcetto dopo, più che per l’attacco, brilla per la difesa, cla quale finora ha subito appena 14 reti. Aspettiamo comunque fiduciosi un’altra grande gara della capolista.

ALLIEVI REGIONALI ELITE, INCONTRO AURELIO FIAMME AZZURRE – LODIGIANI , DOMENICA 4 ALLE ORE 10:30,  CAMPO “DON CALABRIA B” IN VIA S.VITALIANO 30, ROMA,  OTTAVA GIORNATA: per potersi salvare, la Lodigiani non può pretendere di far punti solo in casa, ma deve cominciare a smuovere il pallottoliere anche fuori dalla Borghesiana. Vanno confermati i segnali di ripresa offerti contro Guidonia, e l’occasione capita veramente a pennello; non perché l’Aurelio sia una squadra debole, anzi, finora ha avuto un cammino veramente buono, tuttavia la gara dei padroni di casa sarà con l’handicap delle squalifiche comminate dal giudice sportivo a strascico dell’ultima partita piuttosto turbolenta, giocata (e vinta) contro il Fidene: squalificati Fortunato, Molaioni e Tomarelli, in pratica un 30% dell’undici che scende in campo. Tutto fa capire che la gara non è affatto scontata, ma i ’96 dovranno comunque metterci tutta la grinta che hanno in corpo.

ALLIEVI REGIONALI FASCIA B, INCONTRO LODIGIANI – PRO ROMA, SABATO 3 ALLE ORE 15:00, CAMPO “BORGHESIANA C” , ROMA, QUARTA GIORNATA: fa notizia la squalifica pesantissima, di quattro giornate, inferta al nostro calciatore Salvatore, reo, almeno da quanto scritto nel dispositivo del giudice sportivo, di aver protestato fin troppo vivacemente con l’arbitro, minacciato lo stesso, e, soprattutto, di aver sferrato un pugno contro il giocatore avversario. Questo in un campionato sostanzialmente corretto dove non fioccano davvero i cartellini. Tornando all’aspetto agonistico, la squadra di Bellucci cercherà di entrare nella prima metà della classifica, sfruttando un turno casalingo che, almeno sulla carta, appare alla portata dei nostri. La Pro Roma, finora, ha appena racimolato un punto (la scorsa settimana in casa contro la Vivace Grottaferrata), anche se è troppo presto per giudicare questa o quell’altra squadra. Parlerà il pallone.

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, INCONTRO LODIGIANI-ROMULEA, DOMENICA 4 ALLE ORE 11:00, CAMPO “BORGHESIANA C”, ROMA, OTTAVA GIORNATA: lo stop in quel di Frascati non deve smorzare l’entusiasmo dei ragazzi ’98, che hanno un’occasione per far di nuovo punti e mostrare un bel gioco, come nelle loro migliori partite. Finora, il cammino alla Borghesiana è stato perfetto, con tre vittorie su tre, una chiara dimostrazione di come la classifica può sorridere anche solo sapendo sfruttare al meglio il fattore campo. I miglioramenti vanno mostrati da tutta la squadra, che comunque dovrebbe entrare in campo al completo. La Romulea appare piuttosto dietro la Lodigiani, e paga soprattutto un inizio di campionato per nulla prodigo di punti, tuttavia sono già 3 gare di fila che i  ’98 del campo Roma vanno a punti.

GIOVANISSIMI REGIONALI FASCIA B ELITE, INCONTRO ROMA – LODIGIANI , DOMENICA 4 ALLE ORE 10:00, CAMPO “A. DI BARTOLOMEI”IN PIAZZALE DINO VIOLA, ROMA,  SESTA GIORNATA: ultima partita di un trittico tremendo, dal quale, finora, la Lodigiani sta uscendo alla grande, con la vittoria sulla Lazio e il pareggio contro la Nuova Tor Tre Teste. Certo, dei tre impegni, quello di Domenica (attenzione, non Sabato) a Trigoria sarà il più duro, e, sicuramente, anche il più avvincente, e va quindi seguito con passione. I numeri della Roma costituiscono l’intero tema, con traccia inclusa: 15 punti, 5 vittorie, 0 pareggi, 0 sconfitte, 23 gol segnati e zero subiti. Questo renderà un’impresa persino segnare un gol, ma la Roma non può non subire mai una rete, e non può sempre vincere. Avanti Lodigiani.

La Juniores non iscritta e le domande sul futuro della Lodigiani

Noi lo avevamo detto già da maggio scorso: “probabilmente la prossima stagione la Juniores non si farà”. E così è andata. La Lodigiani non si è iscritta né agli Juniores Provinciali, né agli Juniores Primavera, come aveva, timidamente, provato a dirci qualche dirigente. Qualcuno potrebbe dire che anche questa, come la prima squadra, è stata una scelta di carattere economico, ma la realtà è un’altra: manca la volontà, manca la programmazione, la Juniores è una categoria che dà meno profitto di altre, e questo è quanto.

Che la Juniores sarebbe costata troppo è una menzogna facilmente smentibile. I ragazzi dei provinciali non vanno di certo a prendere rimborsi spese, campi da allenamento e da gioco alla Borghesiana se ne trovano, e poi quanto sarebbe stato speso per le trasferte  di un girone che avrebbe avuto come probabili avversari il Gallicano, la United Torre Angela, lo Sporting Torbellamonaca, la Real Tor Tre Teste, i Giardini di Corcolle e la Duepigreco?

Il problema è che la Lodigiani, pur con qualche progresso nelle categorie giovanili Allievi e Giovanissimi, è tornata ai livelli del 2005. Ma di sicuro con meno ambizione e un potere, ora, sempre più Malvicinicentrico. Inoltre, il clima del 2005, era diverso: c’era la voglia di ripartire, l’affermare nuovamente il nome Lodigiani, il dire “eccoci qua, non siamo morti”, la voglia di ricominciare da capo con le stesse competenze che hanno sancito un modello vincente, la consapevolezza di poter continuare un discorso come prima e più di prima. Anche nel 2005 si era partiti con gli Allievi come massima categoria, me lo ricordo ancora bene quel Roma Sei – Lodigiani giocato al Prenestino nell’Ottobre del 2005. Ma si sapeva che c’era un progetto di ricostruzione, che sarebbe ripartita una Juniores, e che, a tempo debito, ci sarebbe di nuovo stata la prima squadra. Perché tutti convenivano, 7 anni fa, che si, doveva essere così, perché il modello Lodigiani non può essere snaturato, pur con le dovute differenze rispetto ai tempi della serie C.

Tanto che i risultati diedero ragione, nei primi anni, alla Lodigiani. Purtroppo il peggio è cominciato finita l’era Moretti, dove le conseguenze si sono viste, e fin troppo: prima squadra smantellata (dopo che era appena tornata), Juniores smantellata, e, da quest’anno, stando ai primi risultati, ambizioni del settore giovanile in netto ridimensionamento. Rimane il miracolo della scuola calcio, anche se è da vedere se reggerà l’urto dell’accostamento alla BSA (che chissà come mai nel polo di Torraccia non è stato fatto) e della improbabile affiliazione con la Ternana.

Coloro che ci presentano i conti della serva ci fanno un discorso del genere: la prima squadra sono spese, e tante. Le agonistiche più di tanto non rendono, e se si arriva alla Juniores è poca la possibilità di rivendere giocatori ormai fuori dal giro a società professionistiche. La scuola calcio rende.

Non per essere tediosi, ma qui allora bisognerebbe chiarire una cosa: fermo restando che forse lo saremo ancora per poco, ma questo club si chiama o non si chiama Lodigiani? Come è possibile che con un nome storico del genere vengano portate avanti delle politiche allucinanti, in continuo ridimensionamento, senza un minimo di volontà di vedere un futuro? Chi dice che Malvicini deve portare la Lodigiani con sé fino alla fine e poi basta, il classico “muoia Sansone con tutti i Filistei”, è un discorso che, francamente, non ha né capo né coda. Augurando a Malvicini di vivere altrettanti anni di quanti ne ha, DA NESSUNA PARTE CHI HA UN PUO’ DI BUON SENSO PUO’ AFFERMARE CHE UNA SOCIETA’ STORICA DEBBA FINIRE ASSIEME AL, O PER VOLONTA’ DEL, FONDATORE. Non esiste, e, state tranquilli che non esisterà, che piaccia o meno.

Intanto altre società vanno avanti, pur non avendo con sé il nome glorioso della Lodigiani. Società come Tor Tre Teste o Savio, pur essendo solo di settore giovanile, hanno tutte la loro Juniores. In barba a certi discorsi che solo alla Lodigiani di oggi potevamo sentire. Ma altre ancora, e queste mi piace citare di più, vanno avanti con l’intero settore giovanile e con la prima squadra, magari anche tranciando di netto i costi, ma senza mollare di un centimetro. Qualche esempio, solo a Roma? Il Tor di Quinto, coi suoi giovani, che dopo esser sceso in Prima Categoria, è tronato subito in Promozione e ora è partito alla grande, sognando l’Eccellenza. L’Almas, che si diceva non dovesse iscrivere la prima squadra per questa stagione, invece l’ha fatto, ha tagliato, ma i risultati stanno dando retta, e di sicuro la categoria la mantiene (ma potrebbe anche fare qualcosa di più). La Romulea, che pur essendosi notevolmente ridimensionata, mantiene la sua filiera giovanile insieme alla prima squadra in Prima Categoria. La Vigor Perconti, società non storica come altre ma che lo sta diventando, con la sua incredibile costanza nell’avere dei risultati, e si porta dietro la prima squadra ed una squadra di calcetto. Ancora: il Futbolclub, nuovo polo di Roma Nord, per fortuna sganciatosi dalla Cisco, che dopo aver avviato un ottimo discorso giovanile anni or sono, oggi è una realtà di primissima fascia, e ha iniziato un discorso di prima squadra volto a salire, per ora stazionante in Promozione. E la Lodigiani? L-O-D-I-G-I-A-N-I? Lo sentite l’eco di questo nome? Senza programmi chiari per il futuro se non una fusione che ricorda tanto la Cisco Lodigiani, con dei tasselli mancanti al proprio mosaico, con una vera mancanza di rinnovamento. Non è giusto, e basta. Ora neanche ci va di fare più appelli. Chi deve sapere, sa. E la Lodigiani state pur certi che non morirà. Indipendentemente da chi saranno i protagonisti.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 435 follower