Archivi della categoria: Giovanissimi Regionali Elite

Giovanili, i verdetti si avvicinano

ALLIEVI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-ALBALONGA. Contro l’Albalonga si cerca la terza vittoria, o almeno la seconda e mezzo, negli scontri diretti. Infatti la partita di andata a Pavona fu sospesa a fine primo tempo con la nostra squadra in vantaggio e, nella replica natalizia del match, fummo bravi a ricostruirci il successo ripartendo dallo 0-0. Col campionato ormai agli sgoccioli, l’obiettivo resta di lottare per la casacca. Contro l’Almas la reazione di orgoglio, ora il tentativo assoluto di chiudere in bellezza. Se lo si riesce a mantenere, questo quinto posto non è disprezzabile, a fronte di un campionato difficile, dove sarebbe bastato poco in più per rimettere in gioco le certezze di chi sta là davanti. Come sempre, sarà compito del mister motivare i ragazzi per non farli mollare fino alla fine. In arrivo c’è un’Albalonga fresca di un grande exploit casalingo, domenica scorsa, contro il Futbolclub capolista. Un’impresa di non poco conto, se si pensa che i castellani sono terzultimi a 25 punti in compagnia del San Donato Pontino ma possono ancora evitare i play-out. Come abbiamo già detto nella cronaca dello scorso turno, se bastassero le sole motivazioni a fare la partita, allora avremmo già perso. In realtà si fa leva su un gruppo, il nostro, che non ha mai voglia di prenderle, e il bagaglio tecnico vorrà pur dire qualcosa. I biancoblu non brillano particolarmente né in attacco (28 reti segnate), né in difesa (40 reti subite), tuttavia avrebbero forse meritato qualcosa in più. La salvezza per l’Albalonga è un obiettivo comunque raggiungibile, e per loro tutto passerà anche attraverso questa partita. Che vinca il migliore, come sempre.

ALLIEVI FASCIA B ELITE, ACCADEMIA CALCIO-LODIGIANI. Accorciare i tempi, maturare certezze, costruire un piccolo pezzo di storia. Lo meritano i ragazzi, protagonisti di ogni battaglia e, anche se danno sempre il massimo, non sempre ottengono un risultato pari al loro impegno; lo merita il mister, coinvolto in un progetto impegnativo e delicato; lo merita la dirigenza, che in estate ha dovuto ricomporre un puzzle dove non tutti i pezzi combaciavano. Il risultato che oggi vediamo è questo sprint play-off dove dobbiamo mettere il cuore oltre l’ostacolo il prima possibile, per mandare chi ci sta dietro alle vacanze anticipate e per tirare il fiato per preparare con freschezza gli impegni successivi. E allora bisogna cominciare con questa partita, contro un avversario che all’andata ci strappò un 1-1 tra gli applausi. Ma l’Accademia Calcio vista nella prima parte della stagione non è la stessa Accademia vista nella seconda. L’Accademia che incontrammo all’andata era difficile da battere ed ambiva come noi al traguardo dei play-off. Quella di oggi è quintultima a 25 punti ma già salva, quasi incapace di vincere nel girone di ritorno. Ciò nonostante non vuol dire che i nostri avversari spareranno a salve. Anzi. Un gruppo valido che fa fatica a vincere ha, di solito, una voglia di riscatto inesauribile. La squadra che affronteremo vanta un buon attacco (35 reti fatte) ma anche il secondo peggior reparto arretrato del campionato (45 reti incassate). Insomma, loro daranno tutto, ma questa è la nostra partita. Noi dobbiamo dare più di tutto, dobbiamo esserci, dobbiamo meritare le luci della ribalta che ci competono. Avanti Lodigiani!

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, POLISPORTIVA CARSO-LODIGIANI. Quanto cambia affrontare lo stesso avversario a seconda del suo momento di forma. Tre sconfitte abbiamo subito in questo campionato, tutte piovute a ciel sereno, ed una di queste ci è toccata in casa, nella partita di andata, contro una corazzata pontina veramente in forma. Prima del crollo inspiegabile di queste ultime settimane, la Polisportiva Carso era un incubo per tutte le avversarie e, di più, sembrava una squadra difficilissima da battere, persino per le dirette avversarie in lotta per i play-off. Poi il black-out nelle ultime 5 giornate: prima il pareggio in casa della Tor Tre Teste, che confermava le ambizioni della Polisportiva. Poi l’episodio che ha spezzato il morale della squadra, un’improvvisa sconfitta casalinga nel derby contro il San Donato Pontino e via fino ad oggi con tre pareggi di fila. La vittoria, quindi, manca dal 15 Febbraio. Nel frattempo la Carso ha 8 punti di distacco dalla zona play-off pressoché impossibili da recuperare. Ciò nonostante parliamo sempre della miglior difesa del campionato, mentre è l’attacco il reparto esposto alle maggiori sofferenze. Di contro abbiamo una Lodigiani che sta cercando di conseguire il primato nel minor tempo possibile e col minor numero di rischi. Mister Rivetta e i suoi ragazzi ben conoscono il potenziale pontino, che ci soprese all’andata ma che, per forza di cose, non ci può più sorprendere in questa occasione. Un po’ di accortezza in difesa e la forza propulsiva di un attacco che viaggia verso le 100 marcature dovrebbero essere sufficienti per cercare il nostro riscatto sportivo. D’altronde, moralmente parlando, si vive agli antipodi. Di nostro basta non sbagliare approccio ed essere concentrati. Ci siamo quasi ed il primato definitivo sarà una meritata realtà.

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, LODIGIANI-CINECITTA’BETTINI. Non ci può essere ancora festa, ma un deciso ottimismo è nell’aria. La Lodigiani ha preso il largo col suo secondo posto e ha superato in maniera brillantissima il primo dei tre ostacoli diretti di questo avvincente fine campionato. Cercando di espletare le ultime formalità, ci basta non perdere gli ultimi due scontri diretti rimasti o vincerne almeno uno per non temere più niente da nessuno. La bagarre, semmai, si chiama terzo posto. Noi intanto ce la godiamo, affrontando un avversario decisamente collocato più in basso nella classifica di questo girone. Alla Borghesiana arriva il Cinecittà Bettini, squadra quartultima con 22 punti che sta cercando di ottimizzare il massimo sforzo per conseguire una salvezza difficile ma ormai visibile. I punti di distacco dalla terzultima sono 5, e le ultime due vittorie di fila, contro Aprilia e Futbolclub, oltre a risultare clamorose, saranno probabilmente decisive per la salvezza definitiva. Ciò non toglie che loro non sono ancora salvi al 100%, così come non siamo noi secondi alla stessa percentuale. Gli obiettivi ed i mezzi sono opposti. Esclusa la Roma mattatrice, la Lodigiani è realmente la seconda forza del campionato; dato confermato dal miglior attacco e dalla miglior difesa, sempre al netto dei giallorossi. Il Bettini viaggia invece più su numeri da bassa classifica, comunque migliori delle altre dirette pretendenti. La situazione è chiara: noi siamo più forti e abbiamo il fattore campo dalla nostra; loro sono in un ottimo momento di forma ma difficilmente potranno arginare i ragazzi di Santucci. Poi, per carità, certe partite possono essere più difficili del dovuto, San Cesareo docet. Rispettiamo come sempre gli avversari, ricordandoci che i tre punti sono obbligatori per noi.

Giovanissimi Fascia B, che capolavoro! Giovanissimi Elite, vittoria e play-off matematici. Allievi Fascia B, tre punti per il terzo posto. Allievi Elite, vittoria d’orgoglio

ALLIEVI REGIONALI ELITE, ALMAS-LODIGIANI 1-3. La Lodigiani torna alla vittoria, cercata con orgoglio e con un po’ più di agonismo del solito. È vero che l’Almas rimane pur sempre il fanalino di coda del girone, ma è anche vero che i ragazzi hanno evitato di scendere in campo svogliati e hanno offerto una prova gagliarda e dinamica. Nel pomeriggio di Ciampino per i biancorossi sono andati a segno Demofonti, Faiella e Severi, mentre troppo poco è stata l’unica realizzazione dell’Almas, ormai vicinissima alla retrocessione. A dimostrazione che non sempre chi ha vere motivazioni è destinato a prevalere. La Lodigiani va a 43 punti e approfitta dell’1-1 del San Lorenzo sul campo della Fortitudo per riprendersi il quinto posto solitario: i giallorossi infatti ora sono staccati di due punti. Resta in scia la Polisportiva Carso (40 punti), con il clamoroso 4-0 sull’Urbetevere, terzo e ormai inseguito di due punti dall’Atletico 2000, inarrestabile e vittorioso per 0-1 sul campo della Vivace Grottaferrata. La parabola dell’Atletico 2000 è emblematica per capire come sia stato sbagliato, per i nostri, mollare in alcune partite. Niente è impossibile per chi ci crede e chissà come andrà a finire. Da segnalare la clamorosa sconfitta del Futbolclub capolista in casa dell’Albalonga per 1-0 e la Vigor Perconti che non ne approfitta appieno, inciampando per 2-2 in casa col Certosa: ora c’è un duo di testa a 62 punti. Completano il quadro Palestrina-San Donato Pontino 3-3 e Vigili Urbani-Pro Roma 0-0. Prossima partita Lodigiani-Albalonga.

 

ALLIEVI FASCIA B ELITE, LODIGIANI-VILLANOVA 2-0. Rimproveriamo sempre alla Lodigiani di non saper chiudere i match, e stavolta il sipario è quasi calato dopo una manciata di minuti, grazie ad un avvio estremamente a razzo dei ragazzi di Scardini ed una partita di contenimento dopo. In mezzo un Villanova dimostratosi, come sempre, buona squadra nonostante la retrocessione ormai certa. Come detto, la Lodigiani parte convinta e determinata a far sua la partita. Passano appena 5 minuti e Romani porta in vantaggio i suoi con un bel tiro dove nulla può il portiere ospite. Passano neanche 5 minuti e la squadra romana usufruisce di un calcio di punizione: la traiettoria di Romani è da manuale del calcio e, soprattutto, decreta un gap praticamente impossibile da colmare per gli inseguitori. Nella prima frazione la Lodigiani continua ad amministrare la partita e a mantenere alto il proprio baricentro. Nella ripresa stesso copione ma il Villanova riesce a rendersi anche pericoloso, senza tuttavia riuscire a bucare la rete del nostro estremo difensore. Intendiamoci, la Lodigiani non ha strabordato ma ha fornito un’ottima prova. Ora, incrociando le dita, bastano sei punti in 12 partite per assicurarsi matematicamente i play-off. Nell’ambito di questa categoria rappresenterebbe un inedito e quindi un briciolo di storia. Vediamo la situazione. I primi due gradini sembrano ormai ben delineati: vince la Tor Tre Teste, pur con più fatica del solito, per 2-1 in casa del Montefiascone, portandosi a 58. Non offre l’adeguata replica il Certosa: solo 1-1 sul campo dei Vigili Urbani e ora -8 dalla capolista. La Lodigiani, terza, ha 41 punti, mentre prima inseguitrice è la Lazio a 35 (0-1 a Rieti). Filo di speranza di rientrare nei giochi (filo sul serio) per il Futbolclub, grazie al convincente 3-0 sull’Accademia Calcio. A 33 troviamo il San Lorenzo: vittoria per 3-1 su un Tor di Quinto fermo a 30 e ormai fuori da ogni gioco. Non va neanche la Pro Roma (32 punti): solo 0-0 sul campo della Fortitudo. Sabato prossimo l’occasione per smorzare le pretese delle poche inseguitrici: c’è Accademia Calcio-Lodigiani.

 

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-ANZIOLAVINIO 4-1. La Lodigiani offre un’altra grande prestazione, rifila quattro gol ai propri avversari (ma è ormai una prassi) e si assicura matematicamente un risultato virtualmente già consolidato da tempo, ovvero la certezza di giocarsi la post-season. Ovviamente, data la situazione, il reale obiettivo è quel primato cercato e meritato come non mai, adesso realmente più vicino. Nonostante l’Anziolavinio abbia fatto la sua onesta gara, è veramente troppo questa Lodigiani, capace di sfoderare un potenziale offensivo sempre più vicino alle 100 reti stagionali fatte. Questa volta, e non per la prima volta, sono andati a segno Belardinelli (una meritata doppietta per lui), Pisanelli e Di Carlo. Al di là della vittoria decisamente pronosticabile, quello che più conta è vedere una Lodigiani ormai lanciata in maniera monodirezionale verso il proprio obiettivo e, soprattutto, più attenta a non cadere nei tranelli dell’avversario di turno. Anche questa è andata e ormai mancano appena 4 gare al termine della stagione regolare. Questa la situazione: Lodigiani in testa con 65 punti. Non mollano le immediate inseguitrici. A 61 punti c’è il Tor di Quinto, uscito bene dal delicato match con l’Atletico Fidene: un 4-1 che allontana molte ombre dai biancoblu. 3-0 per la Tor Tre Teste contro la Fortitudo e 59 punti, coi play-off in cassaforte. Il crollo verticale della Polisportiva Carso continua, e ne è prova l’opaco 0-0 in casa dei Vigili Urbani: i Pontini vanno a 51 punti, ma è ormai lampante l’uscita definitiva dal giro play-off. Altri risultati: Romulea-Città di Ciampino 0-0, Pro Roma-Futbolclub 2-2, San Donato Pontino-Palestrina 0-1 e Certosa-Ceprano 1-2. Prossima partita Polisportiva Carso-Lodigiani.

 

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, SAVIO-LODIGIANI 1-3. Una prova di forza, un capolavoro. Nell’ambito di una partita stupenda, piena di colpi di scena, dove l’avversario non ha regalato niente e, in fin dei conti, neanche l’arbitro, nonostante i due rigori concessici (di cui uno sbagliato). La Lodigiani ormai può contare i punti che la separano dal matematico secondo posto, per quanto bisogni passare per due sfide difficilissime, contro Tor di Quinto e Frosinone. Ma, da quanto emerso, la Lodigiani sembra essere veramente la più forte del girone, Roma esclusa naturalmente. Ma andiamo al calcio giocato. La partita è roboante da subito e il primo affondo è del Savio. Le squadre sono veloci e la Lodigiani va. Anzi, sembra persino a proprio agio con la partita messa su questo piano. Al primo affondo Coccia viene trattenuto in area ed è rigore: bravo l’arbitro a vedere nell’ambito di un’azione rapidissima. Dal dischetto lo stesso Coccia, MVP del match, non sbaglia. Sono passati 7 minuti e la Lodigiani è avanti. Le squadre si sfidano a viso aperto, ma il Savio non riesce a sfondare. Al 35°l’unico errore di Branca nella partita, con un’uscita un po’ disordinata, provoca il rimpallo sfortunato dell’1-1. Una gara da 9 del nostro estremo diventa da 8, in ogni caso una grande partita la sua, con interventi decisivi. Nella ripresa la Lodigiani parte ancora meglio che nel primo tempo. Dopo 4 minuti un’azione insistita di Coccia di prepotenza porta al 2-1 della Lodigiani. Al 10° Coccia si procura il secondo rigore di giornata, anche più evidente del primo, ma stavolta dagli 11 metri arriva l’errore. La gara resta aperta. Il Savio ha le sue azioni, ma Coccia è in stato di grazia al 23° un’altra sua incredibile azione porta al definitivo 3-1. Il Savio diventa nervoso, ma al Vianello arriva il game over. La Lodigiani saluta le dirette concorrenti per il secondo posto e prende il largo: biancorossi secondi a 48 punti. Per la serie “chi non muore si rivede”, fa il doppio balzo carpiato in avanti il Frosinone che, grazie alla vittoria per 1-0 sull’Aprilia, va a 42 punti e torna in zona-play-off. Il Savio, a 41, scivola al quarto posto mentre, come prevedibile, il Tor di Quinto perde per 1-2 in casa contro la Roma e resta a 40. Tuttavia il Tor di Quinto ha dato veramente filo da torcere alla Roma, dando un bis più convinto alla gara di andata: se Lodigiani e Roma dovessero rincontrarsi (e speriamo che sia così!) andrebbe studiato proprio il Tor di Quinto per capire cosa può far più male ai lupacchiotti. Altri risultati: Tor Sapienza-Anziolavinio 1-2, Certosa-Polisportiva Carso 1-0, San Cesareo-Sezze 9-0 e Cinecittà Bettini-Futbolclub 1-0. Sabato prossimo c’è Lodigiani-Cinecittà Bettini.

Giovanili, tre partite difficili da sbagliare ed un grande big-match

ALLIEVI REGIONALI ELITE, ALMAS-LODIGIANI. Il campionato è ormai andato, maledetto campionato. Poche le occasioni di dimostrare ancora qualcosa, si incomincia ad intravedere un clima generale da sciogliete le righe. Poi ci sono anche le belle prestazioni, come quella di Domenica scorsa contro il Futbolclub. Là è scesa in campo una squadra orgogliosa, tecnicamente dotata ma, come sempre, un po’ sfortunata e un po’ assente nei momenti in cui bisognerebbe concentrarsi di più. Il quarto posto, comunque inutile, ormai è lontano, non farsi rosicchiare altre posizioni è platonico ma resta almeno un motivo d’orgoglio. Che poi l’avversario si chiami Futbolclub o Almas, poco dovrebbe cambiare. Molti ragazzi saluteranno nella prossima stagione (tutti, se non si darà un qualche seguito con la Juniores Regionale o con qualche miracolo piovuto dall’alto, previa volontà dei giocatori di rimanere), alcuni di loro hanno trascorso una bella militanza e possono salutare tenendo in alto, per le ultime volte, il senso di appartenenza ad un club che al calcio non solo ha dato tanto, storicamente, ma che, incredibilmente, anche oggi e lontano dalle categorie che contano, continua a sfornare giovani campioni che più in là esordiranno tra i professionisti (vi dice qualcosa un certo Florenzi, per citarne uno?). Poco conta, quindi, questa partita con l’Almas ultimo in classifica a dodici punti, che scenderà in campo con la forza della disperazione, in cerca di punti vitali per provare a salvarsi almeno ai play-out. La matematica condanna più noi che loro, pur con obiettivi diametralmente opposti. A noi resta l’orgoglio. Tiriamolo fuori e mettiamocela tutta.

ALLIEVI FASCIA B ELITE, LODIGIANI-VILLANOVA. Quando noi proprio non riusciamo, la fortuna ci viene incontro. A volte sembra tutto scritto in nostro favore, favorito da un evidente destino. Ma adesso deve arrivare il momento della grinta e della cattiveria agonistica, della voglia di mangiarsi l’avversario e non dargli possibilità di replica alcuna. Indipendentemente che si vada nei play-off. E se ci andremo, queste caratteristiche, se sapremo tirarle fuori ora, ci aiuteranno nel provare a tirare fuori qualche inatteso exploit. Da una parte è vero che la Lodigiani meriterebbe una classifica più alta; dall’altra è anche vero che una buona stella (vedasi alla voce “risultati delle altre squadre”) ci aiuta e non poco. E ora? Vogliamo cominciare a metterci del nostro? Vogliamo ricordarci di chiamarci Lodigiani? Vogliamo scendere in campo con determinazione e fame vera? La partita che incombe sembra il trampolino di prova ideale. Arriva il Villanova, terzultima in classifica, squadra quasi retrocessa che, tuttavia, ci ha dato non poche noie all’andata e che ha fatto persino lo sgambetto a qualche big. Vogliamo dirci di più? Il Villanova non meriterebbe neanche la retrocessione, ma paga dazio per un inizio di campionato altamente negativo. Altro dazio che pagano i tiburtini è un attacco non molto prolifico (17 reti), mentre la difesa ha uno standard da squadra di metà classifica. Comunque sia, la Lodigiani non deve fare troppi complimenti nell’affondare il colpo e, anche se non sarà di certo facile, dovrà cercare non solo di portare a casa il bottino, ma di chiudere in fretta i giochi. Niente è difficile per chi ha volontà.

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-ANZIOLAVINIO. La Lodigiani c’è sempre stata, e non ha nessuna voglia di mollare. La squadra si è compattata alla grande e già Domenica scorsa ha dato una risposta concisa a tutte le dirette concorrenti che aspettano con ansia qualche altro nostro scivolone. L’impressione è che questa squadra, data la sua altissima qualità, abbia dato già sin troppo in termini di sconfitte. Diciamo che, fino ad ora, l’unico limite di questo gruppo, che però è anche un illimitato pregio, è stato quello di non adattarsi ad avversari sornioni e pronti a sfruttare qualsiasi occasione per darci dei dispiaceri. In ogni caso, la nostra classifica continua ad essere altamente buona. La prima posizione sembra assicurata se saremo in grado di mantenere alta la concentrazione. Sulla sponda opposta, arriva un Anziolavinio praticamente già condannato ai play-out (otto punti da rimontare sulla sestultima sembrano oggettivamente troppi), ma che cerca disperatamente punti per partire da una posizione migliore rispetto all’attuale terzultimo posto; e, a scanso di equivoci, è ancora meglio evitare di finire penultimi. Una stagione molto deludente quella dei lidensi: troppe le sconfitte, troppo allegra la difesa (57 reti incassate) e troppo poche 25 reti all’attivo in un campionato dove si segna tantissimo. Con la giusta determinazione, è difficile pensare che un attacco che punta a quota 100 reti fatte come il nostro possa essere impensierito eccessivamente dalla controparte. Attendiamo fiduciosi: delle squadre appartenenti al giro play-off abbiamo il match più abbordabile.

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, SAVIO-LODIGIANI. Che il gran ballo cominci! Dopo un breve periodo di partite abbordabilissime, arriva ora il momento di dare il tutto per tutto in una serie di scontri diretti a brevissima distanza l’uno con l’altro. Si comincia da questo Savio-Lodigiani, dove il calcolo aritmetico è un po’ protagonista. Col Frosinone in crisi e il Tor di Quinto che deve cercare di uscire indenne dallo scontro con la Roma capolista a punteggio pieno, il destino sembra essere nelle mani dei due contendenti. Una sconfitta, fuori casa, per quanto possibile non va neanche pensata, perché riaprirebbe incontrovertibilmente i giochi non solo per il terzo posto, ma anche per non essere buttati fuori dai play-off. Un pareggio ci può stare, non pregiudicherebbe niente e potrebbe essere salutato con grande favore. Una nostra vittoria, a quattro giornate dalla fine, vorrebbe dire essere con un piede e mezzo nei play-off e con un piede ed un quarto al secondo posto finale. Questo nonostante gli altri scontri diretti ancora da disputare. Quindi dobbiamo non temere la partita e gettarci nella mischia quasi con furia. I numeri sono dalla nostra: a parte la miglior classifica, la Lodigiani vanta 58 reti fatte e soprattutto appena 11 subite, mentre il Savio ha uno score di 52 fatte e 24 subite. Se quattro sconfitte possono essere troppe per una seconda in classifica (ma due sono arrivate contro la Roma), i biancoblu ne hanno fin qui rimediate sei. Se all’andata ci siamo mangiati le mani per la mancata vittoria, il Savio fin qui non ha mai vinto contro una delle prime 5 della classifica (manca giusto la partita all’ultima giornata contro il Frosinone). Insomma, se il pallone fosse una scienza, ci starebbe un pronostico che ci vede imbattuti al Vianello. Ma proprio perché non è così, allora è bene guardarci le spalle e non farci trovare impreparati. Forza ragazzi!

Giovanissimi, passeggiate di salute. Allievi, sconfitte non traumatiche

ALLIEVI REGIONALI ELITE, FUTBOLCLUB-LODIGIANI 2-1. Il pronostico è stato purtroppo rispettato, ma, se non altro, la Lodigiani ha dato vita a una gara spettacolare ed incerta fino all’ultimo, dove i ragazzi di Grande avrebbero meritato, come minimo, il pareggio. Il calcio a volte è ingiusto, e i biancorossi continuano nel loro score di zero punti contro le prime tre squadre del campionato. Però, se la Lodigiani avesse giocato con lo spirito identico a quello visto al Futbolclub Campus, molte situazioni contrarie non si sarebbero verificate in questa stagione. La partita andata di scena alle 12:45 rappresenta, né più né meno, come vorremmo vedere sempre una qualsiasi squadra della Lodigiani scendere in campo. Passando alla gara, sin dai primissimi minuti gli ospiti fanno capire di non avere nessun timore della capolista e cominciano a giocarsi la partita con una supremazia molto forte. Il gol, su un bel tiro, di Demofonti al 18° non è che la naturale conseguenza di una partita iniziata veramente bene. Peccato che la Lodigiani, acquisito il vantaggio, non riesca a gestirlo, consentendo, dopo quattro minuti, il pareggio al Futbolclub, che trova la nostra difesa un po’ incerta. La Lodigiani non ci sta e reagisce, ma non trova il nuovo vantaggio. Copione identico nella ripresa: la Lodigiani fa la partita, il Futbolclub tentenna. Purtroppo la pressione non produce frutti e, a dieci minuti dalla fine, i padroni di casa trovano il gol del vantaggio su punizione. La partita diventa ancora più scoppiettante, ma non vanno a segno né gli assalti della Lodigiani, né le ripartenze del Futbolclub. Finisce 2-1, il Futbolclub si tiene la vetta, la Lodigiani ormai deve fare i conti con un importante digiuno di vittorie ma, se non altro, può essere soddisfatta di sé stessa e di aver dimostrato, per l’ennesima volta, di valere più della classifica reale. A 5 giornate dalla fine è ormai utopia anche il quarto posto, con l’Atletico 2000 che va a 49 grazie alla vittoria per 3-1 sui Vigili Urbani e (pensate com’è incredibile il calcio, specie quando ci si crede) potrebbe dare ancora fastidio all’Urbetevere terza a quota 54 (brutta sconfitta per 0-3 sulla Vigor Perconti, seconda ad un punto dal Futbolclub). La Lodigiani, a 40 punti, deve fare i conti con l’aggancio del San Lorenzo (4-1 sul Palestrina) e col ritorno della Polisportiva Carso a 37 (0-2 a San Donato Pontino). Altri risultati: Pro Roma-Fortitudo 1-1, Certosa-Albalonga 1-1 e Vivace Grottaferrata-Almas Roma 1-2. Prossima partita Almas-Lodigiani.

ALLIEVI FASCIA B ELITE, NUOVA TOR TRE TESTE-LODIGIANI 4-1. La prova del nove non è andata bene. O, forse, non è andata così male. In fondo, probabilmente e tutto sommato, è persino andata bene. C’è tutto questo nella partita tra prima e terza della classe, dove lo spunto di riflessione è, in fondo, solo uno: nella scorsa stagione le due squadre erano ai vertici del campionato Giovanissimi, contendendosi a lungo il primato. Oggi la sola Tor Tre Teste ha trovato una continuità vincente anche con qualche cambiamento in rosa, mentre la Lodigiani resta una buona squadra ma ha sicuramente perso qualcosa. Su una maggiore continuità in termini di qualità dovrà lavorare la Lodigiani in futuro, specie ricostruendo una squadra Juniores che può dare una maggiore prospettiva di continuità anche ai più grandi. Detto questo, la partita. La Lodigiani, nonostante un maggior possesso palla ed un miglior dinamismo da parte della Tor Tre Teste, tiene botta. Attaccano i rossoblu, ma anche la squadra ospite prova a scardinare la difesa avversaria. Il vantaggio dei padroni di casa arriva dopo 25 minuti, grazie ad un tiro fortunoso di Lommi che si insacca dove Sabellico non può arrivare. La Lodigiani tenta le sue carte e rimane in partita fino al 10° del secondo tempo, quando Ferrini coglie la nostra difesa impreparata e firma il 2-0. Preso il raddoppio, la Lodigiani nei successivi 10 minuti va in palla, prendendo altre due reti che si potevano evitare e finendo sotto di quattro. La Lodigiani torna sveglia dopo il black-out e nei minuti finali, con Indovino, trova la rete che rende un po’ meno pesante il passivo della Lodigiani. Nel complesso, al netto di un po’ di sfortuna e di una buona dose di sbandamento nella ripresa, la squadra di Scardini non ha assolutamente sfigurato. La Tor Tre Teste ha dimostrato di avere una maggior qualità, la Lodigiani buoni mezzi e tanto cuore. La notizia buona arriva dal fatto che in questo turno nessuna delle inseguitrici della Lodigiani per il terzo posto rosicchia almeno un punto. Incredibile, ma è così. Andiamo con ordine: la Tor Tre Teste resta in prima posizione con 55 punti, la Lodigiani è terza a 38 (è comunque sorprendente il margine tra prima e terza in classifica). Nel mezzo c’era lo scontro tra la seconda, il Certosa, e la quarta della classe, la Lazio: bene, i neroverdi consacrano la loro annata magica, battono 2-0 la Lazio e ci fanno un favore mica da niente, lasciando a 32 i biancocelesti. Il secondo favore ce lo fa il San Lorenzo che, nella gara in casa con la Pro Roma, diventa corsaro per 0-1 e lascia i giallorossi a 31, ora accompagnati dal Futbolclub (1-2 a Villanova). Perde persino il Tor di Quinto, fossilizzatosi a 30 punti, per 0-1 contro i Vigili Urbani: è il risultato più clamoroso. L’1-1 tra Montefiascone e Rieti e l’1-0 dell’Accademia Calcio sulla Fortitudo completano il quadro di giornata. È andata bene, ammettiamolo. Prossima partita Lodigiani-Villanova.

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-PRO ROMA 5-0. Con due gol nel primo tempo e ben tre nella ripresa, la Lodigiani dimostra di aver capito la lezione impartita dai Vigili Urbani sette giorni prima, rifila una scoppola ai malcapitati avversari della Pro Roma, aspetta ormai solo la matematica per la certezza dei play-off e lancia un chiaro segnale alle più vicine inseguitrici, con l’annuncio che la vetta della classifica non è traballante, ma più salda che mai nelle mani dei biancorossi. Se qualche avversario, a campionato quasi finito, sembra avere motivazioni a mille solo quando si tratta di fare lo sgambetto ad una big, così non è stato per la Pro Roma, squadra mai in partita ed arrivata alla Borghesiana nel ruolo di sparring partner per far andare a mille i ragazzi dello storico club in bianco e rosso. Nella prima parte di gara vanno a segno Pompa ed Obleac. L’unico tentativo di rialzare la testa da parte degli ospiti è proprio dopo il 2-0, ma tiene la difesa di casa. La Lodigiani affonda il colpo nella ripresa, per mezzo delle marcature di Lelli, Belardinelli e De Carlo. Quella della squadra di mister Rivetta è stata una prova convincente e praticamente priva di sbavature, coi ragazzi estremamente concentrati per ritrovare subito il sorriso dopo l’imprevisto sgambetto del turno precedente. La classifica, quindi, dice Lodigiani 62, col Tor di Quinto che ultimamente soffre sempre ma passa per 0-1 sul difficile campo della Fortitudo e resta in scia a 58. A 56 chiude il gruppo play-off la Tor Tre Teste, protagonista a Palestrina con il successo per 3-1 sui locali. Il trio che continuerà il campionato sembra ormai definito: per la Polisportiva Carso è crisi, col 2-2 in casa contro il Certosa penultimo. I pontini vanno appena a 50 punti, e le distanze dalla terza in classifica appaiono abbastanza scoraggianti. Le altre partite: Anziolavinio-Vigili Urbani 0-4, Città di Ciampino-San Donato Pontino 4-1, Ceprano-Romulea 1-4 e Atletico Fidene-Futbolclub 0-2. Domenica prossima di nuovo in casa, contro l’Anziolavinio.

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, LODIGIANI-SEZZE 5-0. Una Lodigiani molto sperimentale e al piccolo trotto rifila una cinquina senza storie ad un Sezze troppo poco consistente per poter dire qualcosa in questa partita. Troppo il divario tra le due squadre, troppi i punti di distacco, troppa la differenza di morale. Una gara a senso unico, dove la Lodigiani avrebbe potuto anche fare qualcosa di più ma, del resto, è bene tenersi le energie per le ultime partite del campionato, dove dovremo dare il meglio di noi stessi nei tre scontri diretti su cinque partite. Le cinque marcature della Lodigiani portano la firma di quattro diversi marcatori: a logica c’è una doppietta, ed è quella di Di Cataldo. Vanno a segno anche Rodi, Joshua e Sansotta. Servivano i tre punti e tre punti sono stati, soprattutto se si pensa all’importanza delle altre partite, più importanti, andate in scena. Partiamo prima di tutto dalla Roma, ancora a punteggio pieno, che si sbarazza con un perentorio 5-0 del Frosinone, secondo o terzo in classifica per tutto il campionato. Gare come questa fanno capire il divario tra i giallorossi, a punteggio pieno, ed il resto del mondo. I ciociari, invece, devono fare il conto con la propria crisi, rimanendo a 39 punti e scivolando in quinta posizione, pur in piena lotta per un posto play-off. La Lodigiani è seconda a 45 punti, e ora vede come primo inseguitore, a 41 punti, il Savio: buona la vittoria in casa del Futbolclub per 2-1. Rallenta e va in quarta posizione, con 40 punti, il Tor di Quinto: troppo poco lo 0-0 sul campo della Polisportiva Carso. In vista degli scontri diretti la Lodigiani ha una posizione di privilegio che deve mantenere. Altri risultati: Tor Sapienza-San Cesareo 0-2, Anziolavinio-Certosa 0-2 e Aprilia-Cinecittà Bettini 0-2. Dalla prossima partita si balla: c’è Savio-Lodigiani.

Giovanili, curve in salita e in discesa prima del rettilineo finale

ALLIEVI REGIONALI ELITE, FUTBOLCLUB-LODIGIANI. Non si tratta di essere ingenerosi, né di sottovalutare le risorse di questa squadra; e nemmeno di portare sfiga. Ma il vero dato oggettivo di questa Lodigiani è che sembra abbia un po’ perso la bussola e la voglia di giocare. Prima, probabilmente, si è trattato di una certa dose di sfortuna. Poi è subentrata quell’incapacità psicologica di reagire a situazioni avverse. La realtà è che questo campionato, virtualmente, per noi è già terminato da qualche giornata a questa parte. E allora cosa resta? Forse la voglia di togliersi qualche soddisfazione. Quella di fare lo sgambetto alla capolista potrebbe essere una. Ma si ha la volontà e la grinta per tentare il colpaccio? O, per l’ennesima volta, a delle aspettative ottimistiche si risponde con prove sotto tono? Poi c’è un dato realistico, che è la forza di questo Futbolclub. Se in altre categorie il Futbolclub non sta rispondendo alle previsioni, almeno in questi Allievi Élite sembra aver fatto veramente centro. La squadra c’è, quando ha avuto un momento di bassi ha saputo reagire e i numeri parlano chiaro: con 50 reti all’attivo e solo 9 al passivo, il Futbolclub ha il miglior attacco e la miglior difesa del campionato, dato non sempre scontato neanche se si parla di una capolista. Ciò nonostante, il Futbolclub non è la squadra meno battuta del campionato (il record spetta alla Vigor Perconti), ma in compenso sono 7 le partite di fila sotto il segno dei tre punti. Insomma, almeno sulla carta il pronostico sembra già fatto. Confidiamo in una gara comunque dignitosa dei nostri ragazzi. Con un po’ di autostima in più, chissà…

ALLIEVI FASCIA B ELITE, NUOVA TOR TRE TESTE-LODIGIANI. Secondo match presentato, secondo match dove non partiamo coi favori della vigilia. Ed è un dato raro quando si parla di Lodigiani. In realtà questa partita va presa un po’ come un esame, un po’ come prova di team building per rafforzare la volontà e lo spirito agonistico della squadra. Inutile nascondersi: all’andata subimmo una lezione memorabile, ma fu una macchia isolata nell’ambito di un campionato difficile in ogni singola partita. E non per niente la Tor Tre Teste è l’assoluta protagonista di questo girone, dopo una partenza a stento compensata da una ripartenza col turbo. Gli interrogativi, da noi ci sono e anche tanti. Dobbiamo mettere in preventivo una sconfitta ma dobbiamo dare tutto per portare a casa persino il risultato pieno; dobbiamo dimostrare di meritare i play-off; dobbiamo dare la prova a noi stessi di un miglioramento totale rispetto alla partita di andata, ma anche rispetto all’ultima contro il fanalino di coda Montefiascone; dobbiamo fare i conti con la nostra poca propensione a chiudere le partite; ma dobbiamo anche saper tirare fuori le nostre doti migliori, ovvero la solidità e la concretezza che hanno reso difficile per tutti (se non impossibile) battere la Lodigiani. Capitolo Tor Tre Teste: nonostante i 14 punti di differenza, la Tor Tre Teste è la squadra meno battuta del girone…assieme alla Lodigiani: entrambe hanno rimediato fin qui due sconfitte (una delle due nostre proprio contro i rossoblu), la differenza l’ha fatta l’eccessivo numero di pareggi da parte nostra. La squadra collatina vince da sei partite di fila e presenta la miglior difesa (14 reti subite) e il miglior attacco (54 reti fatte). Eppure Lodigiani e Tor Tre Teste non sembrano mondi così distanti. In bocca al lupo ai nostri ragazzi, tenete alti i nostri colori!

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-PRO ROMA. E alla fine la campanella suonò, decretando la fine della ricreazione. Il calcio è bello perché non è una scienza, e il pallone è tondo come una sfera magica. Nonostante ciò, un fatto è estremamente chiaro: nulla ci viene concesso per diritto divino, e anche se siamo i più forti dobbiamo sudarci l’ambito traguardo fino all’ultimo, senza un attimo di distrazione. Può sembrare un discorso “duro” per una squadra di giovani ragazzi che devono pensare principalmente a divertirsi, ma ormai si è in ballo, e quindi il detto “quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare” val bene anche in questo contesto. Ormai siamo in ballo e non possiamo tirarci indietro, ma dobbiamo essere noi a condurre le danze. La sconfitta contro i Vigili Urbani non va presa come una malattia, ma come un vaccino per rinforzare le difese immunitarie da altri imprevisti. Adesso arriva la Pro Roma, squadra per certi versi simile ai Vigili Urbani, ma in cerca ancora dei punti finali necessari per la salvezza diretta. I giallorossi, infatti, occupano il nono posto, a +5 dalla linea di demarcazione dai playout, attualmente occupata dal Ceprano. Nonostante qualche sconfitta, la Pro ha dato il meglio di sé in queste ultime otto giornate, andando spesso a punti e iniziando a prendere il largo sulle zone bollenti della classifica. È ovvio che incontreremo un avversario motivato a mille. Fatto strano per una squadra di media classifica, l’attacco è il meno prolifico del girone, a pari merito con quello del fanalino di coda Palestrina (22 reti segnate), e anche la difesa non presenta numeri eccelsi, con 37 reti subite. I numeri non esaltanti sono comunque un retaggio del girone di andata mentre, come detto, in questa fase di ritorno le cose sono girate decisamente meglio per i nostri avversari. Servono, dunque, agonismo e concentrazione per riprendere il volo.

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, LODIGIANI-SEZZE. Se l’incontro di Sabato scorso contro la penultima della classe, il San Cesareo, ha presentato delle insidie totalmente impreviste, stavolta il turno dovrebbe concederci maggiore respiro nel confronto, tra l’altro in casa, contro l’ultimissima del girone, un Sezze che aspetta solo la matematica per retrocedere e praticamente mai operativo in questo campionato. È vero che per alcuni centri raggiungere un traguardo come gli Élite è un’impresa, ma è anche vero che una dirigenza deve attivarsi per fare un campionato perlomeno dignitoso. Discorso identico per squadre simili fatto nelle annate passate, il nostro, ritenendo ingiusto che dei ragazzi diventino carne da macello per l’avversario di turno. La situazione setina è quella che è: 3 soli punti all’attivo in un’unica vittoria, diciannove sconfitte, dieci reti fatte e 95 reti subite. Il rispetto per l’avversario non mancherà, anzi, onore a questi ragazzi che scendono in campo con orgoglio e volontà, ma stavolta non dovrebbero esservi dubbi sul risultato finale. Per la Lodigiani sarà l’occasione di fare un po’ di rotazione e di attendere, in tutta serenità, il verdetto di tre trasferte molto difficili per le nostre dirette inseguitrici (proibitivo il compito del Frosinone in casa della Roma, tosti anche gli impegni di Savio e Tor di Quinto). Insomma, noi mettiamoci del nostro con la solita grinta di sempre. I risultati poi arriveranno da sé.

Giovanili, un fine settimana di stenti e sofferenze

ALLIEVI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-CERTOSA 1-3. Poco da dire in occasioni di partite di questo genere. Non vince di certo il più forte, ma può vincere la squadra che entra in campo con più voglia e più determinazione, che lotta su ogni pallone e che è veramente motivata a battersi su ogni singolo secondo di gara. Come è successo in altre occasioni, alla Lodigiani è mancata la cattiveria e il giusto carattere per fare la partita; il peccato mortale è che ciò è arrivato in casa con una squadra che, classifica alla mano, è di seconda fascia. Complimenti agli avversari, ma non si può davvero dire che la Lodigiani, esclusa la prova di cuore di qualche singolo, abbia avuto la volontà di giocarsi la partita. Il Certosa, al termine di una gara gagliarda, ottiene tre punti fondamentali per la salvezza. Di contro, la Lodigiani rimane nel suo limbo di alta classifica dove sembra indifferente se si arriva quarti o settimi. Ormai, col quinto posto occupato dai biancorossi a 40 punti, sembra improbabile andarsi a riprendere la quarta piazza, con l’Atletico 2000 che va a vincere per 0-2 anche sul campo della Fortitudo (e anche qui andava in scena una gara tra una squadra motivata, la Fortitudo, ed una senza obiettivi di classifica. Notate qualche differenza?) e si porta a 46. In vetta rallenta di nuovo l’Urbetevere, terzo a 54 punti, a causa del pareggio per 1-1 sul campo dell’Albalonga (Urbetevere, squadra che ci ha sempre battuto e che altrove ha più difficoltà). I primi due posti sono occupati da Futbolclub a 59 (0-3 sull’Almas) e Vigor Perconti a 58 (2-0 sul San Donato Pontino). Dietro di noi si avvicinano di poco a noi la Polisportiva Carso (34 punti) e il San Lorenzo (37), grazie al 2-2 nello scontro diretto. Altri risultati: Vigili Urbani-Vivace Grottaferrata 1-5 e Palestrina-Pro Roma 0-2. Prossimo turno Futbolclub-Lodigiani. Pronostici?

ALLIEVI REGIONALI FASCIA B, LODIGIANI-MONTEFIASCONE. Chi pensava che questa potesse essere una gara buona per tirare un po’ il fiato, prima della gara in casa della supercapolista Tor Tre Teste, ha sbagliato. Alla Borghesiana si è vista la solita Lodigiani buona ma a tratti distratta, sprecona e incapace di chiudere la partita, persino contro l’ultima in classifica. È veramente impossibile pensare che una squadra come questa, che ha perso solo due volte in campionato, debba ogni volta fare i salti mortali carpiati e avvitati all’indietro per portare a casa i tre punti. Ciò non è di buon auspicio, e dovrebbe servire come spunto di riflessione in vista di un momento delicato e decisivo del campionato. Come detto, il sollievo è dato dai tre punti. Buona Lodigiani in avvio che passa in vantaggio su azione da fermo di Stramenga dopo un quarto d’ora. La Lodigiani si perde e in pochi minuti arriva il pareggio ospite. La squadra di casa si sveglia nella ripresa ma solo al 21°, con Indovino, trova la giusta combinazione per fissare il 2-1 finale. Troppa fatica, comunque, se si pensa al divario di forze in campo. In ogni caso buoni questi tre punti, perché dietro di noi arrivano buone notizie. La premessa è che la Lodigiani rimane terza, adesso con 38 punti all’attivo. Importante svolta dietro di noi: la Lazio batte il Tor di Quinto per 3-2 e sale al quarto posto a quota 32. Incredibile la risalita dei biancocelesti, dati per spacciati poche giornate fa. Il Tor di Quinto resta a 30 e le speranze per i play-off sono ora ridotte al lumicino. A 31 punti si insinua la rediviva Pro Roma, che passa per 0-2 sul campo dei Vigili Urbani. Non cambia la situazione davanti a noi: vince sia la capolista Tor Tre Teste (1-2 sul Futbolclub e 52 punti), sia il Certosa (0-2 a Rieti e 46 punti). Altri risultati: Fortitudo-Villanova 0-1 e San Lorenzo-Accademia Calcio 3-0. Come detto, prossimo turno Tor Tre Teste-Lodigiani. Serve un altro piglio.

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, VIGILI URBANI-LODIGIANI 4-2. Questa partita serve di lezione un po’ a tutti. A chi scrive, forse, a mettere meno enfasi sulla squadra primissima in classifica. Ai giocatori, perché ogni avversario ti può far male. Sempre ai giocatori, perché ogni partita merita sempre la stessa attenzione. Il 4-2 dei Vigili Urbani contro di noi fa parte di quella serie di débâcle impreviste in cui ci siamo imbattuti nel girone di andata e che pensavamo ormai aver superato. Ed ecco che, quando la Lodigiani sembra mettere la sesta marcia per allungare al primo posto, con tutte le condizioni ambientali favorevoli possibili, le certezze vengono spazzate via al volo. Lodigiani che non viene di certo smontata nelle sue ambizioni, ma questa esperienza è un giusto ammonimento. Chiariamo subito una cosa: al netto delle troppe e inconsuete occasioni concesse, la Lodigiani ha giocato bene e ha rischiato fino all’ultimo di portarsi a casa almeno un punto. Il problema reale è stato aver subito una rete alla prima azione dei Vigili Urbani, dopo 5 minuti e non essere riusciti ad agguantare il pari e concedendo la rete del 2-0, prima di un risveglio collettivo già iniziato prima della rete di Belardinelli poco prima di rientrare negli spogliatoi per la pausa. Il secondo tempo sembrava destinato a capovolgere l’esito della gara, ma, imprevisto, è arrivato il 3-1 di Napoleoni al quarto d’ora. La Lodigiani si è ricordata di essere prima in classifica producendo un notevole forcing che ha portato al 3-2 alla mezzora con un’azione finalizzata da Lelli. La troppa esposizione in attacco nei minuti finali ha portato al 4-2 conclusivo firmato dai Vigili in pieno recupero. Questo è quanto. Non sono mancate le emozioni, non sono mancati momenti epici e un grande merito va agli avversari scesi in campo senza nessun timore e con la voglia di essere protagonisti. Quanto si complica ora la nostra situazione? Il nostro primato è fissato a 59 punti. Il Tor di Quinto fatica in casa col Palestrina vincendo 1-0, ma alla fine si avvicina a 55. A 53 punti troviamo la Tor Tre Teste, che liquida la pratica Città di Ciampino con un orbitale 8-1. Rallenta la Polisportiva Carso, in crisi ma non troppo, che fa 2-2 sul campo della Romulea e va a 49. Altri risultati: Futbolclub-Fortitudo 3-1, San Donato Pontino-Ceprano 0-1, Pro Roma-Atletico Fidene 0-0 e Certosa-Anziolavinio 2-3. Domenica prossima Lodigiani-Pro Roma.

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, SAN CESAREO-LODIGIANI 1-2. Il discorso qui appare molto simile a quello fatto per i nostri 1999, con la differenza, non piccola, che il San Cesareo ha contestato e non poco l’arbitraggio, che a suo dire ha alterato la gara, e che il San Cesareo è una squadra, in proporzione, più modesta del Certosa 1999. Solo che, a differenza dei 1999, una partita del genere, sofferta a tratti, ci può anche stare, specie se nell’ambito di un fine settimana non propriamente brillante per le nostre squadre giovanili. A parte le scarse informazioni di cui sopra, poco siamo riusciti a filtrare dal campo casilino, e quindi ci dobbiamo accontentare di sapere che questi tre punti non sono stati assolutamente portati via con facilità. Considerando tutto ciò, è anche con vittorie come questa che si possono raggiungere i traguardi prefissati. Tralasciando il campionato a sé della Roma, vicinissima al record di tutte vittorie in campionato (0-4 sul campo del Bettini, 60 punti su 60, 90 reti fatte e 4 subite), la Lodigiani rafforza la sua piazza d’onore fissata a quota 42. La novità è che, dopo un intero campionato, il Frosinone, a causa del pareggio casalingo per 1-1 contro la Polisportiva Carso, si vede raggiunto in terza posizione a 39 punti dal Tor di Quinto, che soffre ma batte 1-0 l’Anziolavinio. Vince anche il Savio (38 punti) grazie al 4-2 sull’Aprilia. Altri risultati: Certosa-Tor Sapienza 7-0 e Sezze-Futbolclub 1-5. Prossimo turno Lodigiani-Sezze.

Giovanili, non un passo indietro!

ALLIEVI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-CERTOSA. Il campionato va onorato fino in fondo, fino all’ultima goccia di sudore. È andata come è andata, e di rimpianti ne resteranno, in fondo, ben pochi. Rimangono un pugno di partite da giocare, e allora è bene scendere in campo per ribadire il proprio valore, dimostrato pienamente in più di un’occasione. Alla Borghesiana arriva il Certosa, discreta squadra di medio-bassa classifica che sta producendo il massimo sforzo per evitare la tremenda lotteria dei play-out: i neroverdi occupano esattamente la quintultima posizione con 24 punti, a pari merito del San Donato Pontino e ad un punto dalla Fortitudo; due di queste squadre si salveranno direttamente, la terza dovrà passare per gli spareggi. Continuando la disamina del Certosa, non si può certo dire che i nostri avversari stiano passando un gran periodo di forma: nelle ultime 9 partite hanno vinto una sola volta (due settimane fa contro l’Almas), ed è in questo periodo di crisi infinito che il Certosa ha perso terreno nei confronti delle altre pretendenti per la salvezza. Il Certosa ha discreti numeri in attacco e un po’ meno discreti in difesa, con troppe reti effettivamente prese. Di contro la Lodigiani si è posta come obiettivo il quarto posto, ma ora si trova a dover inseguire l’Atletico 2000 di tre punti. Se si guarda alla situazione in casa nostra, quello che veramente ci ha penalizzati fin qui, a parte i micidiali scontri diretti con le squadre da podio, sono state le troppe sconfitte. Qualcosa è mancato ma, ripetendo quanto già detto, si sono anche fatte delle belle cose. Non resta che divertirsi fino alla fine.

ALLIEVI FASCIA B ELITE, LODIGIANI-MONTEFIASCONE. Tante storie di calcio ce lo insegnano: per bruciare in un attimo tante cose belle fatte nel campionato, possono bastare pochi istanti di perdita della ragione. Nonostante l’esito fin troppo felice della gara con il Rieti, date le circostanze, il campanello di allarme è suonato: niente nervosismo, niente piagnistei. Gli arbitri possono sbagliare e puntualmente sbagliano. Ma una grande squadra va oltre e vince sempre, indipendentemente dall’alta o dalla bassa marea. Per questo la gara di Sabato scorso può servire come fiaba dall’alta morale per riprendere il cammino in vista di sfide più difficili. Ora ci viene a trovare il Montefiascone, squadra ultima in classifica e virtualmente già retrocessa nei Regionali. I viterbesi miracoli non ne potevano fare, la categoria Élite è stata comunque un’impresa ma, bene o male, nel paese del buon vino ci si poteva aspettare qualcosa in più. Il bottino dei gialloverdi è effettivamente sconsolante: 10 punti con due vittorie appena e sei pareggi 15 gol fatti e 46 reti subite (difesa più bucata del girone). L’impresa è arrivata tre settimane fa con la vittoria casalinga contro il San Lorenzo. Per il resto tanti, troppi black-out. Inutile dire che la Lodigiani deve far propria la partita e non deve accontentarsi di passare in vantaggio, ma deve imparare a prendere il largo e chiudere anticipatamente la partita. Se non si comincia in questi match è poi difficile farlo nelle partite che contano. L’obiettivo play-off sarebbe storico per questa categoria, e i ragazzi devono tirare fuori le loro migliori doti per togliersi questa soddisfazione.

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, VIGILI URBANI-LODIGIANI. Qualcuno fa l’indiano, qualcuno parla a mezza bocca, qualcuno è scaramantico. Ma tutti sono convinti che questa squadra possa toglierci delle grandi soddisfazioni. È vero, non bisogna mai montarsi la testa e le fortune, nel calcio, vanno e vengono con facilità disarmante. Ma è anche vero che quando si è forti bisogna urlarlo ai quattro venti e approfittare di ogni occasione per ricordarlo a qualsiasi avversario. Cosa vogliamo guardare? La posizione in classifica? Il numero di giornate di risultati positivi di fila (praticamente tutte vittorie)? I gol fatti? I gol subiti? Tutto dice Lodigiani, e ora non resta che forzare la matematica per portarci a casa prima i play-off e poi il primato del girone. La partita contro i Vigili Urbani è una di quelle da prendere con tutte le dovute cautele. Gli avversari sono forti, hanno un buon reparto avanzato, non hanno quasi più niente da chiedere a questo campionato se non la soddisfazione di far cascare qualche illustre antagonista con un bello sgambetto. E due mezzi sgambetti, peraltro sempre in trasferta, i rossoblu già li hanno fatti, bloccando sia il Tor di Quinto che la Tor Tre Teste. Insomma, se i Vigili sono in palla, bisogna accelerare oltre i limiti di velocità consentiti per batterli. La Lodigiani, d’altro canto, ha l’obbligo morale e pratico di vincere sempre per mantenere il trend, ma, vedendo soprattutto il girone di ritorno, l’intesa di squadra e la potenza dei singoli sembrano proprio spianare la strada a qualsiasi opportunità. L’alloro ci aspetta e sta maturando, un po’ più di sole per accelerare il processo dobbiamo metterlo noi.

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, SAN CESAREO-LODIGIANI. Questo non è un campionato difficile, ma qualcosa di più. Ma la Lodigiani è di nuovo seconda e ci sta emozionando. Anche nei momenti più difficili la Lodigiani trova la forza per elevarsi sopra all’avversario di turno ed imporsi. Ogni tanto fa anche bene che siano i risultati delle avversarie dirette ad aiutarci. Lo 0-5 in casa del Futbolclub è il segnale che quando questa squadra è in palla, non ce n’è per nessuno. Quindi ben vengano, ogni tanto, partite dove va sì rispettato l’avversario, ma dove il livello è anche destinato a diventare un po’ più basso per consentirci di tirare il fiato. Se proprio non vogliamo parlare di partita a pronostico serrato, diciamo che le quote sono tutte a favore dei biancorossi. La Lodigiani è seconda e sta accelerando; il San Cesareo è penultimo con 11 punti, ha vinto due sole volte in tutto il campionato e sta cercando di inventarsi l’impossibile per arrampicarsi alle ultime speranze di salvezza, tra l’altro matematicamente non impossibili. Rispetto alle altre consorelle del girone, il San Cesareo paga decisamente la scarsa capacità di andare a rete (15 le marcature fin qui realizzate), mentre la difesa, per quanto troppo fragile, non sfigura rispetto a squadre messe molto meglio in classifica. I rossoblu un segnale al campionato lo stanno comunque dando, con la sorprendente vittoria sul Futbolclub di due settimane fa e con il buon pareggio di Sabato scorso sul campo del Certosa. Insomma, i ragazzi sancesaresi ci proveranno, e starà a noi ricordare la scala di valori reale.

Giovanili, le difficoltà dei “più grandi”, il brio dei “più piccoli”

ALLIEVI REGIONALI ELITE, URBETEVERE-LODIGIANI 1-0. Dice il vecchio saggio: “giocare bene non basta”. Perché se fosse così, la Lodigiani non avrebbe perso tre dei quattro scontri diretti fin qui giocati con le prime tre della classe, e anche in questa partita in casa dell’Urbetevere non sarebbe dovuta uscire battuta. Invece la metrica ufficiale si basa su chi segna più reti, e in questo il giudizio è impietoso. All’Urbetevere basta una rete in apertura di gara, dopo otto minuti, di Orianno per aver ragione sulla Lodigiani senza mai prendere il largo, anzi, patendo a più riprese il ritorno dei ragazzi di Grande. In particolare nel secondo tempo la ruota non ha girato per noi, e la palla non è scesa sotto la traversa quando essa l’ha impattata in pieno (per ben due volte, tra l’altro). In mezzo a tutto ciò una bella partita, dove la Lodigiani ha mostrato, per l’ennesima volta, di non avere nulla in meno rispetto al trio al comando, se non un po’ più di testa e di vera cattiveria agonistica. Questo purtroppo è quanto, senza diventare troppo prolissi nel raccontare una partita amara. Ovviamente la Lodigiani resta a 40 punti, perde la quarta posizione (l’Atletico 2000 va a 43 grazie alla facile vittoria casalinga col Palestrina per 3-0) ma, almeno, non vede avvicinarsi il San Lorenzo che resta a 36 (sconfitta casalinga per 4-2 contro la Vigor Perconti seconda). Per il resto, i bilanci si fanno a fine stagione, peccato giusto per la mancanza di quelle poche limature che potevano consentirci il salto di qualità necessario per arrivare veramente in alto. Altri risultati: Certosa-Futbolclub 0-3 (il Futbolclub resta al comando del girone), Vivace Grottaferrata-Fortitudo 2-1, Pro Roma- Polisportiva Carso 1-1, San Donato Pontino-Albalonga 3-0 e Vigili Urbani-Almas 3-0. Domenica prossima c’è Lodigiani-Certosa.

ALLIEVI FASCIA B ELITE, LODIGIANI-RIETI 1-1. Da una parte c’è da gioire per un risultato arrivato in maniera incredibile dato l’andazzo della partita; dall’altra c’è sicuramente la rabbia per aver gettato tre punti alle ortiche nella prima frazione, dove, tra un arbitro troppo zelante ed una Lodigiani nervosa, si è creata una situazione che ci ha solamente danneggiato. Tanto per cominciare, dopo 5 minuti il Rieti può già approfittare di un rigore, realizzato da Fusacchia. La Lodigiani cerca di reagire, ma a tratti sembra troppo contratta. Sul finire del primo tempo le espulsioni di Romani e Argenio ci lasciano per tutto il secondo tempo in 9. In una situazione del genere solo una grande squadra poteva reagire, e chissà come mister Scardini avrà motivato i suoi ragazzi tra primo e secondo tempo. Sta di fatto che, pur coi dovuti rischi, la Lodigiani della ripresa resta a trazione anteriore, e, tra un’occasione e l’altra, appare comunque incredibile il pareggio che si concretizza ad un quarto d’ora dalla fine, firmato da Errico. In fin dei conti, per come è andata tutta la faccenda, va persino bene aver rimediato un solo punto, anche se non si può certo dire che la Lodigiani si sia strozzata esclusivamente con le proprie mani. La situazione in classifica, per quanto non ancora da allarme, merita particolare attenzione, in vista dell’ormai prossimo confronto in casa della capolista Tor Tre Teste. I biancorossi, infatti, vanno a 35 punti. Guardando prima la classifica davanti (quella che meno ci interessa, data la situazione), il Certosa perde, purtroppo, per 1-0 in casa del Tor di Quinto: i neroverdi restano secondi a 43, si sono potuti tranquillamente permettere questo stop; ma di contro, il Tor di Quinto diventa, a quota 30, il nostro primo inseguitore. La Tor Tre Teste, vincendo agevolmente 4-0 sulla Fortitudo, tenta la fuga a 49 punti. Dietro di noi, a 29 punti, la Lazio, data per spacciata fino a poco tempo fa, fa suo lo scontro diretto in casa della Pro Roma, vincendo per 1-3 e portandosi a 29. Rispetto a noi è un -6 che per noi è molto preoccupante, specie se si pensa agli scontri diretti ancora rimasti dove non possiamo permetterci passi falsi. Di contro esce molto ridimensionata la Pro Roma, che staziona a 28, stesso punteggio di un deludente Futbolclub (0-0 a Montefiascone e, grazie a questo risultato, non rientra appieno nei giochi play-off). Risultati non ancora menzionati sono Villanova-San Lorenzo 0-3 e Accademia Calcio-Vigili Urbani 3-3. Sabato prossimo va preparato il riscatto, senza possibilità di errore, sempre in casa contro il Montefiascone.

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-CERTOSA 5-0. Tutto imbarazzatamente facile per la Lodigiani, che al cospetto di un Certosa non pervenuto rispetta a pieno sia il pronostico sul risultato, sia su quanto gol, come minimo, sarebbero poi stati messi nel pallottoliere. Troppo in forma la Lodigiani che, una volta conquistato il primato, non pare mollare di un millimetro. Anzi, sembra che sia proprio la classifica migliore di sempre a dare ulteriore forza e vigore ai nostri ragazzi. Tra l’altro, in quello che è un attacco stratosferico, fa piacere vedere che in cinque reti, distribuite tra i due tempi, ci siano ben cinque marcatori differenti: Lelli, Walzer, Belardinelli, Lico e De Carlo riempiono il taccuino dell’arbitro, offrendo l’idea indiscutibile di come questa squadra non si poggi su un solo pilastro, ma su fondamenta diffuse e solide. Archiviata la pratica, la Lodigiani continua il suo volo, portandosi a 59 punti: ora, grazie alla clamorosa sconfitta in casa della Polisportiva Carso nel derby pontino vinto 1-2 dal San Donato, il margine tra il primato e il primo posto fuori dai play-off è di ben 9 punti: di questo passo la certezza aritmetica (quella mentale c’è già) di disputare i play-off potrebbe essere un affare più breve del dovuto. Non molla il Tor di Quinto secondo: 1-3 al Città di Ciampino e 52 punti, ora probabilmente la marcia può riprendere. Va anche la Tor Tre Teste, a quota 50, grazie all’ottima vittoria per 0-3 sul campo del Ceprano. Altri risultati: Fortitudo-Atletico Fidene 2-0, Anziolavinio-Romulea 0-3, Palestrina-Futbolclub 3-1 e Vigili Urbani-Pro Roma 4-0. Prossima partita Vigili Urbani-Lodigiani.

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, FUTBOLCLUB-LODIGIANI. “Dosate i gol e distribuiteli negli scontri diretti”, verrebbe da dire dopo l’ennesima prova pirotecnica della squadra di Santucci che, più in forma che mai, si prende l’intera posta in palio al termine di una gara convincente al 100% e torna, molto meritatamente, al secondo posto. In realtà parte male il match, col Futbolclub che al terzo minuto sbaglia un calcio di rigore (analogia con la gara dei 1999 contro il Rieti, ma là i nostri avversari hanno segnato). In pratica sarà l’unica occasione in cui il Futbolclub proverà a tirare fuori la testa. All’8° arriva il primo gol della Lodigiani segnato da Rodi, al termine di un’azione dove è sembrato tutto facile, ma in realtà è merito della classe espressa dai nostri ragazzi. Idem per il nostro raddoppio, al minuto 23, dove Coccia batte l’estremo difensore di casa. La Lodigiani gioca bene e concede molto poco al Futbolclub, e quando lo fa rimedia egregiamente. Nella ripresa la Lodigiani fa ancora meglio ma, nonostante la grande mole di gioco e azioni prodotte solo dopo oltre 20 minuti trova la terza rete, quella della sicurezza, con un cinico Di Cataldo. La Lodigiani ora trova solo praterie, e in contropiede Meschini firma lo 0-4 al 28°. C’è tempo, nel recupero, per una perla di Sansotta dalla distanza per il definitivo 0-5. Vediamo come cambia, per noi, la situazione: la Lodigiani va a 39 punti ed è seconda. Il Frosinone perde 1-0 in casa dell’Anziolavinio, confermando che ogni squadra ha una bestia nera: su tre sconfitte dei ciociari, due sono arrivate per mano dei lidenzi. I gialloblu ora sono terzi a 38 punti. Il Tor di Quinto ne fa addirittura 8 al Tor Sapienza e va in quarta piazza a 36, scavalcando il Savio che resta a 35 (i biancoblu hanno osservato il loro “turno di riposo” perdendo per 3-0 in casa della Roma; giallorossi sempre a punteggio pieno). Altri risultati: Certosa-San Cesareo 2-2, Polisportiva Carso-Cinecittà Bettini 2-0 e Aprilia-Sezze 5-1. Prossimo turno, San Cesareo-Lodigiani.

Giovanili, piede sull’acceleratore

ALLIEVI REGIONALI ELITE, URBETEVERE-LODIGIANI. Se questa sfida si fosse giocata con qualche punto in meno di differenza tra le due squadre, anche solo tre o quattro, essa avrebbe avuto tutto un altro sapore. La realtà è che così, allo stato attuale delle cose, per la Lodigiani una vittoria cambia poco se non per il morale, mentre dall’altra parte c’è sicuramente una squadra motivatissima che vorrà, fino all’ultimo, giocarsi le proprie carte per arrivare il più in alto possibile. Per la Lodigiani, tuttavia, questo resta un test interessante per capire se c’è ancora un gap così evidente tra le prime tre della classe e tutto il resto del mondo. La sconfitta maturata contro i ragazzi di Via della Pisana, all’andata, fu il primo segnale che forse ancora non eravamo pronti per la zona play-off. Il problema è che allora non lo sapevamo ancora e quella battuta d’arresto pesa ancora oggi. Però adesso la Lodigiani può permettersi il lusso della serenità, mentre l’Urbetevere sta facendo i conti con qualche punto all’attivo che manca e che, nonostante un campionato veramente ottimo, ha fatto scivolare i gialloblu in terza posizione, per quanto con possibilità intatte persino di riprendersi la vetta. Assisteremo, quindi, ad un match dove i padroni di casa, salvo imprevisti e fattori contingenti, andranno a mille per portarsi l’intera posta in palio a casa. Dall’altra parte ci sarà una Lodigiani tranquilla e che ha i mezzi per poter almeno provare a fare il colpo a sorpresa. In fondo si tratta pur sempre della sfida tra la terza e la quarta forza del campionato, nonostante i ben 10 punti di differenza in classifica.

ALLIEVI FASCIA B ELITE, LODIGIANI-CERTOSA. La Lodigiani vuole dare un colpo alle inseguitrici per un posto play-off, e la gara con il Rieti capita a proposito: i biancorossi continuano a dimostrare di meritare ampiamente la post-season nonostante qualche pareggio di troppo (ma è bene ricordare che questa squadra ha perso solo due volte finora in campionato, come la capolista Tor Tre Teste); gli amarantoblu reatini, di contro, hanno già la salvezza in tasca, sono reduci da un grande exploit dopo un periodo di flessione (l’1-0 della scorsa settimana contro il Tor di Quinto) e a loro non resta che provarci in ogni partita. Ai nostri ospiti non serve dimostrare la propria qualità, nonostante i 12 punti di divario in classifica con la nostra selezione. Il discorso è ben più complesso per i biancorossi: le prime due della classe vanno ancora affrontate e, tanto per essere sicuri del fatto proprio, non possono sbagliare partite come questa, specie se si pensa che si disputano anche match interessantissimi per noi come Pro Roma-Lazio o Tor di Quinto-Certosa. I numeri, d’altronde, sono dalla nostra parte: i biancorossi non hanno mai perso nel girone di ritorno, mentre il Rieti, nonostante tanti giocatori di talento, rimane una squadra con troppi gol a passivo. Motivazioni e doti tecniche devono darci la spinta per non sbagliare questa partita: i play-off si avvicinano giornata dopo giornata, ma gli imprevisti ci sono sempre e vanno abbattuti.

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-CERTOSA. Più passano le giornate di campionato e più viene da pensare che la Lodigiani stia più che ammazzando il proprio girone. Nonostante un tecnico esigentissimo che chiede sempre di dare il massimo ai suoi, anche se in vantaggio di quattro reti, il gruppo sembra veramente rasentare la perfezione tecnica e stilistica: 7 punti di vantaggio sulla seconda, nove sulla quarta, miglior attacco in maniera persino imbarazzante, una difesa che balla molto poco, una squadra che nelle ultime 12 uscite ha sempre segnato almeno due reti. Già solo detta in questa maniera, la gara con il Certosa avrebbe pochi motivi di essere: i neroverdi distano da noi ben 40 punti, cercano i punti necessari per essere sicuri di giocarsi almeno i play-out e hanno quella che è di gran lunga la peggior difesa del campionato (61 reti subite). Gara a pronostico serrato? In un certo senso verrebbe da dire di sì, però bisogna anche evidenziare come, nel girone di ritorno, questa squadra abbia tirato fuori il proprio orgoglio e subito una autentica metamorfosi: i punti sono cominciati ad arrivare a iosa (specie se si pensa che dopo le prime 12 giornate ne avevano collezionati appena tre) e non sono mancate le imprese incredibili (come l’imprevedibile 3-3 in casa contro il Tor di Quinto). Insomma, è bene portare il massimo rispetto a questo avversario perché, molto probabilmente, andrà a migliorare la propria classifica. Meglio se rimandando di una giornata ancora.

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, FUTBOLCLUB-LODIGIANI. A seconda del tipo di campionato, affrontare il Futbolclub in un qualsiasi match può offrire mille sfaccettature diverse. Che gli arancioni siano in bassa o in alta classifica, i match contro di loro non sono mai paragonabili a delle passeggiate, specie se si gioca al Futbolclub Campus. Non fa eccezione neanche questo incontro tra le rappresentative 2001, sebbene si parli di squadre dalle situazioni psicologiche e agonistiche praticamente opposte. Il Futbolclub ha “zoppicato” un po’ in tutto il campionato: di sicuro si pensava di fare meglio, ma è effettivamente mancata la continuità di risultati necessaria per poter pensare in grande. Oggi il Futbolclub si trova a 24 punti, in un limbo troppo distante dalle posizioni che contano, ma fortunatamente a distanza di sicurezza da quelle incandescenti. Logica alla mano, almeno ufficialmente non esistono grandi motivazioni per gli orange, se non quella di togliersi più soddisfazioni possibili da qui al termine della stagione. La Lodigiani, di contro, è in ballo per continuare il proprio sogno oltre la fase regolare. Se fino a poche settimane fa la nostra posizione sembrava inattaccabile, ora è diventato un po’ tutto più incerto, e serve produrre il massimo sforzo per poter festeggiare tra poche settimane. Al netto dei tanti scontri diretti che ancora mancano (Frosinone, Tor di Quinto e Savio), ora serve non sbagliare assolutamente le partite contro squadre non coinvolte nella bagarre dei play-off. La Lodigiani ha fatto fin qui un campionato fantastico, ha sbagliato pochissimo e paga, un po’ come tutti, la composizione di un girone di ferro. La regola assoluta è quella di stringere i denti e non mollare mai.

Giovanili, un turno di campionato quasi perfetto

ALLIEVI REGIONALI ELITE, LODIGIANI-SAN DONATO PONTINO 5-0. Ci dispiace che a volte alcuni campi vengono sacrificati a nome di altri, specie se poi sono gli obiettivi di classifica a fare la differenza. Dispiace quando soprattutto non riusciamo a trovare quell’aneddoto in più per commentare una prestazione maiuscola, forse inaspettata. Si diceva che forse il San Donato poteva tentare il colpaccio date le maggiori motivazioni, salvo poi tornarsene mestamente in terra pontina dopo una di quelle scoppole da ricordare. La Lodigiani ha sorpreso sicuramente nel punteggio, cosa non riuscita nel resto di questo campionato difficile. Almeno i marcatori si riescono facilmente a reperire in giro per il web: Barchiesi, Borelli, Unguru, Demofonti e Severi. Di solito un punteggio del genere fa facilmente immaginare una partita abbastanza a senso unico dove, ad un certo punto, gli avversari hanno mollato del tutto la presa. La Lodigiani sale così a 40 punti e resta quarta, in compagnia di un Atletico 2000 irriducibile, capace di espugnare un campo mai facile come quello della Polisportiva Carso. La testa momentanea del girone è fissata a 52 punti dalla Vigor Perconti, vittoriosa per 2-1 sulla Pro Roma. Ma il Futbolclub, con una partita in meno, si prende il primato virtuale a 50 grazie al successo per 2-0 sull’Urbetevere nello scontro diretto: le due squadre, almeno momentaneamente, sono entrambe a 50 punti. Dietro di noi, a 36 punti, si allontana il San Lorenzo, piuttosto svogliato nello 0-0 sul campo dell’Albalonga. Completano il quadro di giornata Almas-Certosa 0-5, Palestrina-Vivace Grottaferrata 0-3 e Fortitudo-Vigili Urbani 2-1. Domenica prossima c’è Urbetevere-Lodigiani.

 ALLIEVI FASCIA B ELITE, FUTBOLCLUB-LODIGIANI 1-1. Se c’è qualcosa che manca a questa squadra, nonostante i pregi di gran lunga superiori, è la capacità di chiudere la partita. In diverse occasioni, da Ottobre ad oggi, la Lodigiani non ha saputo gestire il proprio vantaggio, né chiudere definitivamente i conti. Ne è ennesima riprova la partita contro il Futbolclub, che ha visto i biancorossi trovare un vantaggio pressoché fulmineo, salvo poi farsi rimontare nella ripresa in quello che, probabilmente, è stato il miglior momento dei ragazzi di Scardini. Pronti-via e, dopo appena 4 minuti un’incursione di Barbusca sugli sviluppi di un calcio d’angolo, sblocca immediatamente il risultato. La Lodigiani potrebbe cominciare a gestire il vantaggio, ma il Futbolclub è ben conscio che questa è l’ultima chiamata dell’anno per poter puntare a qualcosa di ambizioso. Ciò nonostante si va al riposo con la Lodigiani in vantaggio. Nella ripresa, almeno apparentemente, il Futbolclub sembra pagare lo sforzo profuso, e la Lodigiani ha un buon momento per chiudere la contesa. Per quanto inattesa sotto un punto di vista del gioco, la rete al 18° del pareggio arancione non arriva imprevista secondo le leggi del calcio: Sarmiento conclude un’azione vincente che fissa il risultato sull’1-1. La partita resta ad alti ritmi e complessivamente bella anche dopo la rete del pareggio di casa ma, nonostante gli sforzi di entrambe le squadre, il risultato non cambia. Questo risultato per i biancorossi vale oro: la Lodigiani resta terza in classifica ma allarga addirittura i distacchi con le principali inseguitrici. Lodigiani ora è a 34 punti, il Futbolclub resta a distanza di sicurezza con 27. La partita tra Certosa e Pro Roma finisce con un 2-1 in rimonta per i padroni di casa, che fissano il secondo posto a 43 punti e arenano la Pro Roma a 28: per i giallorossi una ricorsa nei nostri confronti è diventata assai ardua. Ma ancora peggio va al Tor di Quinto, sconfitto inaspettatamente di misura in casa del Rieti: i rossoblu restano a 27 punti e il distacco dai play-off è ora assai significativo. Rientra nel giro dell’alta classifica, ma con speranze quasi nulle per i play-off, la Lazio, a 26 punti, vincente contro l’Accademia Calcio per 2-0. In vetta non stecca la Tor Tre Teste, impostasi per 3-1 su un San Lorenzo ormai in caduta libera. I rossoblu restano a 46 punti. Gli altri risultati sono il 3-1 della Fortitudo sul Montefiascone e il sorprendente 0-4 del Villanova in casa dei Vigili Urbani. Sabato prossimo alla Borghesiana c’è il Rieti.

 

GIOVANISSIMI REGIONALI ELITE, ROMULEA-LODIGIANI 1-4. Allo storico campo “Roma” la Lodigiani trova la sua vendetta sportiva travolgendo una Romulea copia sbiadita della partita di andata. Troppo il gap tecnico tra la prima della classifica ed una buona squadra, ma che ora è in evidente difficoltà. In più, come per magia, la Lodigiani mette le mani, forse in maniera definitiva, sul primato, allungando, in un colpo solo, di due punti su ogni singola inseguitrice pretendente ai play-off. Tornando alla partita, dopo una buona fiammata iniziale dei padroni di casa, la Lodigiani prende presto le misure e inizia a pungere. Al 22° Riolo è bravo a sfruttare un pallone non trattenuto dal portiere, siglando il vantaggio biancorosso. La Lodigiani fa sul serio e, dopo appena 4 minuti, Riolo dimostra, come che ce ne fosse bisogno, di saper segnare anche grazie a doti balistiche: la palla è troppo precisa e nulla può il portiere della Romulea. Così, sul 2-0, si va al riposo. Nella ripresa il copione cambia ancora perché la Romulea appare sfiduciata. Dopo 7 minuti Lico trova il meritatissimo gol di testa, per ripetersi in contropiede al 16°. Da notare come in queste ultime due reti della Lodigiani sia stato fondamentale il gioco di squadra ed un cercarsi reciproco praticamente a memoria. La Lodigiani potrebbe persino affondare ulteriormente il colpo; invece, sul finale, arriva la rete della bandiera per la Romulea, firmata Checcacci. Il 4-1 della Lodigiani è l’ennesima dimostrazione di una squadra sempre più in forma e sempre più prima: come già accennato in apertura, coi suoi 56 punti allunga su tutte le inseguitrici. Il Tor di Quinto, anche se resta secondo, non va oltre lo 0-0 in casa col Ceprano e staziona a 49 punti. L’unica fortuna dei rossoblu è il pareggio tra Tor Tre Teste e Polisportiva Carso con un altro 0-0 che fa più gioco agli ospiti, ora a 48 punti, inseguiti proprio dalla Tor Tre Teste a 47. Insomma, comunque vada sembra proprio la Lodigiani ad avere in mano la situazione, al netto dell’unico scontro diretto ancora da disputare contro la Polisportiva Carso più in là. Questi gli altri risultati: Futbolclub-Città di Ciampino 2-1, San Donato Pontino-Anziolavinio 2-1, Pro Roma-Fortitudo 3-3, Certosa-Vigili Urbani 1-1 e Atletico Fidene-Palestrina 1-0. Prossima partita Lodigiani-Certosa.

 

GIOVANISSIMI FASCIA B ELITE, LODIGIANI-APRILIA 7-0. Facciamo una premessa fondamentale: se la Lodigiani giocasse sempre così, contro un avversario peraltro molto quotato, nessuno avrebbe dubbi sulla qualificazione ai play-off. Una Lodigiani perfetta, spietata e bella non regala nulla ad un Aprilia uscito devastato dalla Borghesiana, dove poteva persino rimediare ben più di sette gol. Con tre gol segnati nella prima frazione e quattro nella seconda, non ci sono mai stati equivoci sul copione della partita. Di seguito elenchiamo i nostri marcatori: nel primo tempo hanno centrato il bersaglio Coccia, Nascimben e Giorgio; nella ripresa arriva la doppietta di quest’ultimo e le marcature di Trastulli, Josue e Bonifazi. Ma al di là dei meriti di chi segna, è indubbio che una prova del genere può essere possibile solo grazie ad una concertazione perfetta tra tutti i giocatori. Se di impasse psicologica si poteva parlare prima, ora la Lodigiani può riprendere il suo cammino prima degli scontri diretti decisivi verso la fine del campionato. La classifica, per quanto parzialmente immutata, presenta un cambiamento in positivo: la Lodigiani va a 36 punti e resta in terza posizione. Davanti, a parte la scontatissima vittoria (0-9 sul Sezze) per la diciottesima volta in diciotto partite da parte della Roma, non molla ma rilancia il Frosinone, che si sbarazza con un secco 5-0 del Tor Sapienza: i Ciociari restano in piazza d’onore con 38 punti. Dietro di noi, a 35, tiene il Savio, grazie al 2-0 casalingo sulla Polisportiva Carso. La buona novella per i biancorossi arriva da via del Baiardo, dove il Tor di Quinto, nel secondo tempo, fa harakiri in 5 minuti e si fa rimontare le due reti di vantaggio dal Certosa: i rossoblu rallentano e vanno a 33. Tutto ciò conferma che Frosinone, Lodigiani, Savio e Tor di Quinto si giocheranno i due posti rimanenti per i play-off, mentre tutte le altre sono fuori. Altri risultati: San Cesareo-Futbolclub 3-1 e Cinecittà Bettini-Anziolavinio 3-1. Sabato prossimo Futbolclub-Lodigiani.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 586 follower